Bagno di Romagna tra storia e terme

Bagno di Romagna (940 abitanti, 500 metri s.l.m.) piccolo paese sull'Appennino, nel cuore della Romagna-Toscana, è posto lungo la E45, una strada a scorrimento veloce che collega Roma, la capitale, a Ravenna, la città di mare custode dei capolavori bizantini.
Dista poche decine di km dalla Riviera romagnola a nord e dalle città d'arte toscane - Arezzo e Firenze - a sud.
Bagno di Romagna è il tempio del vivere lento. La purezza degli elementi, il calore naturale delle acque, l'intensità dei sapori, la cordialità di una piccola comunità di montagna e la qualità dei servizi, frutto di una lunga esperienza, sono le anime di una terra di incontri: con la storia del lungo legame con Firenze; con il piacere del corpo, coccolato, massaggiato, cullato dalle acque termali; con la natura del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi e la sua rete di borghi e sentieri; con la gastronomia, quella raffinata dei grandi chef e quella conviviale delle piccole locande; con la spiritualità dei luoghi sacri che punteggiano i suoi dintorni.
Lo sviluppo di anni anche recenti non ha stravolto l'aspetto di Bagno il cui cuore ancor oggi non è dissimile da quello medievale o rinascimentale. La carenza di spazi per edificare ha qui, da sempre, suggerito infatti il riutilizzo del minuto e frazionato tessuto edilizio, collegando parti, recuperando superfici preesistenti: così è accaduto con i palazzi, realizzati accorpando e fondendo più unità edilizie; con la ristrutturazione dello stabilimento termale di S.Agnese, ingrandito e riqualificato - in periodo leopoldino come nei nostri giorni - con l'annessione di edifici contigui; con la costruzione dell'Hotel Terme Roseo ricavato da un antico palazzo signorile. E questo ha permesso a Bagno di mantenere una dimensione minuta e preziosa, fatta di vicoli medievali, torrioni, piazzette, palazzi disegnati dalla lunga dominazione fiorentina, dandogli una impronta particolare che tanto la distingue dalle altre stazioni termali: a Bagno infatti il paese "è" il parco termale.
DA VEDERE
- La Basilica di Santa Maria Assunta
- Palazzo del Capitano
- Emergenza geologica degli Scalacci
- Laghi di Aquapartita, dei Pontini e Lago Lungo, il Lago di Ridracoli, Passo del Carnaio, Parco delle Foreste Casentinesi, Riserva Naturale integrale Sasso Fratino.
Fonte: www.bagodiromagnaturismo.it