Santa Sofia un borgo ... tra la Romagna e la Toscana

Santa Sofia (FC), piccolo borgo nella vallata del Bidente sul confine tra la Romagna e la Toscana, a 257 mt. s.l.m. confinante con Bagno di Romagna, Galeata, Civitella di Romagna, Premilcuore, Pratovecchio (Stia), San Godenzo e Sarsina.  
Venne fondato nel 1811 dalla fusione di due piccoli comuni divisi fino al primo dopo guerra, Mortano (sulla sponda levante) e Santa Sofia (sponda di ponente che faceva parte del Granducato di Toscana che insieme a tutte le parrocchie di Sant'Ellero comprese nel Granducato di Toscana venne annesse alla diocesi di Sansepolcro.
Il 10 novembre 1918 un forte sisma distrusse buona parte della cittadina portando in rovina l'antico castello e diverse abitazioni adiacenti e fino al 1923 fece parte parte della provincia di Firenze, in Toscana.
Durante la seconda guerra mondiale ha fatto parte della "Linea Gotica", fronte in cui si combattè per la liberazione tra le forze nazifasciste e i partigiani dell'VIII Brigata Garibaldi. Venne liberata nell'ottobre 1944.
il comune fa parte del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna, un tempo utilizzate dal Granducato di Toscana e oggi meta per escursionisti e amanti di sport invernali. Al suo interno una riserva naturale di Sasso Fratino che ha ottenuto il riconoscimento UNESCO il 7 luglio 2017.

Tra i luoghi da visitare:
- Galleria d'Arte Moderna "Vero Stoppioni" che ospita il premio Campigna e numerose opere dell'artista Mattia Moreni.
- Il Parco Fluviale con sculture moderne di vari artisti tra cui i coniugi Poiner.
- La hiesa del SS Crocefisso dove vi è custodito un crocifisso del '400.
- La chiesa parocchiale di Santa Lucia (Patrona del Paese festeggiato il 13 dicembre) con numerose opere provenienti dalle frazioni vicine.
- Palazzo Gentili e i resti del Castello, piazza Matteotti con il palazzo comunale e la torre civica, Palazzo Giorgi (già Palazzo Mortani) e il parco della Resistenza
- A Mortano, sulla sponda opposta del fiume, nella caratteristica piazza Mortani si trova il Palazzo-castello Mortani, attualmente di proprietà della famiglia Bianchini-Mortani.
Attorno al borgo si possono visitare:
- Il borgo di Corniolo, con la pieve romanica dedicata a San Pietro.
- Il parco con le Sculture all'aperto a Spinello..
- Il piccolo Borgo Camposonaldo, con la chiesa di Santa Maria in Cosmedin.
- Biserno e la diga di Ridracoli, su un ramo del fiume Bidente e con il museo "Idro".