BASSA ROMAGNA

24. gen, 2020

Sabato 25 gennaio Massa Lombarda celebra il proprio patrono con i festeggiamenti per “San Pêval di segn”. In questa giornata per le strade della città ci saranno mostre, negozi aperti, bancarelle, mercatini solidali, gastronomia e luna park.

Alle 10.30 ci sarà la santa messa solenne celebrata dal vescovo Monsignor Giovanni Mosciatti nella chiesa di San Paolo. In piazza Matteotti ci sarà inoltre lo stand delle delegazioni delle città gemellate con Massa Lombarda dalle 9 alle 19, mentre alle 16.30, sempre in piazza, verrà inaugurato il nuovo mezzo della Protezione Civile locale. In via Vittorio Veneto dalle 9 alle 12 e dalle 15 alle 19 torna il mercatino “Mani di donna”, a cura dei volontari e amici dello Ior, con vendita di biancheria per la casa ricamata dalle volontarie, vestiario e accessori. Il ricavato sarà devoluto all’Istituto oncologico romagnolo.

Non mancherà poi la Sagra del Sabadone, in piazza Matteotti dalle 9 alle 18 con sabadoni, polenta e piadina farcita. Ampio spazio anche alle mostre, tutte a ingresso libero e aperte il 25 gennaio. Tra queste ci sono la mostra “Se il sole fosse un gioco?”, dedicata alle opere di Ali WakWak e allestita nella Sala del Carmine dalle 10 alle 19, la mostra fotografica “Giulio Zaganelli”, aperta al Circolo Massese dalle 10 alle 12 e dalle 14.30 alle 23; “Mattoncini in Massa”, l’esposizione della città creata con i mattoncini più famosi al mondo, nella Sala Zaccaria Facchini dalle 10 alle 19.

Tre sono poi le mostre che inaugureranno proprio il 25 gennaio. Alle 10 taglio del nastro di “Vita a Massa Lombarda”, che espone le foto di Piergiorgio Missiroli, al centro culturale “Carlo Venturini”, a cura dell’Assessorato alla Cultura di Massa Lombarda. La mostra è visitabile fino all’8 febbraio dal lunedì al venerdì dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 15 alle 18.30; sabato dalle 9.30 alle 12.30; il 25 gennaio dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 18.30. Alle 11 inaugura la mostra “San Francesco secondo Francesco” nella Chiesa parrocchiale di San Paolo, a cura della Parrocchia Conversione di San Paolo. L’esposizione racconta la vita di San Francesco d’Assisi attraverso i pannelli di Giotto “Storie di S. Francesco” nella cappella superiore di Assisi con commenti di Papa Francesco. Infine, dal 25 gennaio al 7 febbraio la Chiesa di San Salvatore (via Vittorio Veneto) ospita la mostra “Le immagini sacre nella tradizione popolare”, a cura degli Amici di San Salvatore. L’esposizione è aperta il 25 e 26 gennaio dalle 10 alle 17; dal 27 gennaio al 7 febbraio dalle 15.30 alle 18.30.

Il calendario per i festeggiamenti di “San Pêval di segn” è organizzato dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Massa Lombarda in collaborazione con il Forum delle associazioni di volontariato e Protezione civile Massa Lombarda, con il patrocinio della Regione Emilia-Romagna, dell'Unione dei Comuni della Bassa Romagna e della Provincia di Ravenna e con il contributo della Banca di credito cooperativo ravennate, forlivese e imolese.
Per ulteriori informazioni, contattare l’Urp di Massa Lombarda al numero 0545.985890 o alla mail urp@comune.massalombarda.ra.it 

22. gen, 2020

Da venerdì 24 a domenica 26 gennaio la seconda edizione della mostra
Dopo il successo del 2019, torna “Mattoncini in Massa”. L’esposizione della città creata con i mattoncini più famosi al mondo è aperta nella Sala Zaccaria Facchini di Massa Lombarda (via Saffi 4) da venerdì 24 a domenica 26 gennaio, in occasione delle celebrazioni per il patrono San Paolo dei Segni.
Tra le novità di quest’anno c’è il concorso “La casa che vorrei”, aperto a tutti i bambini. I partecipanti potranno costruire una casa con i mattoncini e al termine con tutte le creazioni verrà realizzata una città. Le opere più originali saranno premiate domenica 26 gennaio alle 18. Nella stessa giornata, dalle 14, ci saranno animazioni e giochi per bambini.
“Mattoncini in Massa” è aperta il 24 gennaio dalle 14 alle 19 e il 25 e 26 gennaio dalle 10 alle 19. Durante gli orari di apertura della mostra è possibile giocare con mattoncini sfusi.
L’iniziativa è a cura di Avis con la collaborazione del Comune di Massa Lombarda. Per ulteriori informazioni contattare il numero 340 2320902 (Daniele), scrivere alla mail mattoncini4fun@gmail.com o visitare la pagina Facebook “Mattoncini in Massa”.

22. gen, 2020

Venerdì 24 gennaio alle 20.30, presso la biblioteca comunale “Luigi Varoli” di Cotignola (corso Sforza 24), l’autore Enrico Galiano, scrittore di successo e insegnante apprezzato, presenterà il suo ultimo romanzo Più forte di ogni addio di Garzanti editore. L’autore dialogherà con la bibliotecaria Sonia Casotti per riflettere sui sogni, le realtà dei giovani d’oggi, l’importanza della scuola e l’educazione al rispetto altrui.
L’evento, aperto al pubblico e ai ragazzi dai 14 anni, si inserisce all’interno delle iniziative di promozione alla cittadinanza attiva e consapevole, promosse dagli Assessorati alle Politiche Sociali e alla Cultura.
Enrico Galiano è nato a Pordenone nel 1977. Insegnante in una scuola di periferia, ha creato la webserie Cose da prof, che ha superato i 20 milioni di visualizzazioni su Facebook. Ha dato il via al movimento dei #poeteppisti, flashmob di studenti che imbrattano le città di poesie. Nel 2015 è stato inserito nella lista dei 100 migliori insegnanti d’Italia dal sito Masterprof.it. Il suo romanzo d’esordio, Eppure cadiamo felici, è stato il libro rivelazione del 2017 e ha vinto il Premio Internazionale Città di Como come migliore opera prima e il Premio Cultura Mediterranea. Con Garzanti ha pubblicato anche Tutta la vita che vuoi (2018), Più forte di ogni addio (2019) e Basta un attimo per tornare bambini in collaborazione con Sara Di Francescantonio.

22. gen, 2020

Venerdì 24 gennaio alle 21 lo storico Massimo Montanari presenta nella Sala Conferenze dell’hotel Ala d’oro di Lugo (corso Matteotti 56) il suo saggio Il mito delle origini. Breve storia degli spaghetti al pomodoro (Laterza), nell’ambito del Caffè Letterario di Lugo.
Seguendo le tracce del nostro piatto identitario per eccellenza, Massimo Montanari risale a tempi e luoghi distanti, dall’Asia all’America, dall’Africa all’Europa, dalle prime civiltà agricole alle innovazioni medievali, fino a vicende di qualche secolo fa, o dell’altro ieri. Si scopre così che ricercare le origini della nostra identità non ci porta quasi mai a ritrovare noi stessi, bensì altre culture, altri popoli, altre tradizioni, dal cui incontro e dalla cui mescolanza si è prodotto ciò che siamo diventati. Introduce la serata Andrea Padovani.
Massimo Montanari insegna Storia medievale e Storia dell’alimentazione all’Università di Bologna, dove è anche direttore del Master “Storia e cultura dell’alimentazione”. È ritenuto, a livello internazionale, uno dei maggiori specialisti di storia dell'alimentazione.
L’ingresso è libero. La rassegna è curata da Patrizia Randi, Claudio Nostri e Marco Sangiorgi, con il patrocinio del Comune di Lugo.
Il programma completo è disponibile sul sito http://caffeletterariolugo.blogspot.it 

22. gen, 2020

Anche quest'anno l'Associazione Partigiani D'Italia di Lugo e la Coop 3 di Lugo ricordano il giorno della Memoria, ricorrenza internazionale per commemorare le vittime dell'Olocausto, riproponendo per il terzo anno consecutivo una raccolta di libri a tema.
La raccolta si terrà il giorno 25 gennaio dalle ore 9,00 alle ore 12,00
presso il banchetto istituito all'interno del Centro Commerciale il Globo di fronte all'ingresso del supermercato dove volontari dell'Anpi e della Coop raccoglieranno libri nuovi ed usati che trattino argomenti legati alla Memoria.
Presso il banchetto sarà possibile consultare un elenco di testi consigliati che potranno essere acquistati presso il Supermercato e presso la libreria Coop.
I libri raccolti sono sempre devoluti alle biblioteche delle scuole di Lugo.
Nei due anni precedenti i libri sono stati donati alle scuole medie Gherardi, S.Cuore e S. Giuseppe, quest'anno saranno devoluti alle medie Baracca.