FORLI e CESENA

21. ott, 2019

Realizzata con il sostegno di MIBAC, Regione Emilia-Romagna, Comune di Forlì, Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì, domenica 27 ottobre, ore 18.00 salirano sul palco di Area Sismica, Blaser, Ducret, Bruun (Ch – Dk), Samuel Blaser, trombone, Marc Ducret, chitarra elettrica e Peter Bruun alla batteria.
La 30ª stagione di Area Sismica prosegue con un trio atipico, composto da stelle europee di varia estrazione, a cominciare da Samuel Baser, trombonista di origini svizzere, che attualmente vive tra Berlino e New York. E che, oltre a essere considerato un autentico virtuoso dello strumento, si è rapidamente imposto sulla scena internazionale con una serie di progetti a suo nome e collaborazioni illustri – tra cui con il leggendario Paul Motian – grazie a un approccio musicale profondamente aperto ed esplorativo.
Qualità, quest’ultima, che condivide con tutti i suoi collaboratori, come i coprotagonisti di questo brillante trio: l’esplosivo e originale chitarrista francese Marc Ducret, già noto per lo stretto sodalizio con Tim Berne, e il batterista danese Peter Bruun, a proprio agio nel mescolare linguaggi diversi, al servizio della creatività contemporanea, dalla ritmica insolita, vera forza motrice del gruppo.
Marc Ducret è uno dei chitarristi più rappresentativi del panorama musicale attuale, capace di spaziare dal free jazz all’avanguardia.
Autodidatta, comincia a suonare con gruppi di diverso genere, stimolato dall’interesse per stili e strumenti diversi (chitarra elettrica e acustica, oud, fretless, chitarra baritono) e diventa membro della prima Orchestra Nazionale Francese nel 1986. Con questa e con il suo trio suona in numerosi festival in Francia, Germania, Svezia, Italia, Africa, India e Giappone.
Ha collaborato, tra i tanti, con Michel Portal, Eric Barret, Miroslav Vitous, Enrico Rava, Adam Nussbaum, Django Bates, Joey Baron, Michel Godard, la band AKA Moon, Bobby Previte, Louis Sclavis e, come detto, con Tim Berne.
Peter Bruun ha iniziato a suonare la batteria alla Rythmic Childrens School di Vesterbro a Copenaghen all’età di tre anni e a diciotto era già un musicista professionista. É membro fondatore della band Eggs Laid By Tigers che ha pubblicato il suo primo album “Under The Mile Off Moon” nel 2012 e il secondo nel 2014 “This Red-Eyed Earth”. L’ultima pubblicazione di Peter si chiama “Unintended Consequences” ed esplora i confini tra composizione, composizione istantanea e improvvisazione.

Ingresso 12 euro
Area Sismica è un circolo Arci

16. ott, 2019

Sabato 2 novembre, ore 21.00 all'Agriturismo Campo Rosso un'altra data del Wolves' Song Tour di The Dolly's Legend. Per questo live il set è formato solamente da Frank alla voce, chitarra e armonica.
WOLVES' SONGS, l'ultimo album, è distribuito digitalmente nelle più grandi piattaforme (Spotify, Itunes, ecc...) da Soundflower
Records: http://www.soundflower.it/thedollyslegend 

The Dolly’s Legend nasce nel 2007 ed è il progetto solista di Frank, cantautore bolognese. Nel 2008 esce il primo omonimo album eseguito con chitarra acustica, armonica e voce che contiene nove pezzi originali. L’ispirazione maggiore per cominciare questa avventura è stata l’ascolto dell’album “The Freewheelin’” di Bob Dylan unita alla scoperta di un grande artista come John Martyn. Da qui Frank comincia a suonare tantissime date in giro per l’Italia includendo, nel 2009, una data in Inghilterra a Stockport.
Dopo altri due album (“Back Down The Road” e “Turn Back Time”, tutti autoprodotti) nel 2012 Frank decide di prendersi una pausa e si impegna in altri progetti musicali, riprenderà nel 2015 con l’uscita di “Simple Ways”, quarto album targato The Dolly’s Legend.
L’anno dopo è la volta di “Past&Present”, un doppio album raccolta che include tutti i pezzi migliori di Frank ri-registrati e re-interpretati in versione chitarra elettrica, armonica e voce. Nello stesso anno, parallelamente, nasce la TDL Band formata da Steve alla chitarra solista, Claudio alla batteria e Nataly, moglie di Frank, al basso.
Attualmente “Wolves’ Song”, l’ultimo album, è appena uscito e contiene dieci brani, la metà in semiacustico e la metà con l’intera Band. L’album è dedicato a Chris Cornell.
Col passare del tempo Frank ha virato il suo sound dal Folk più tradizionale ad una sorta di Grunge/Blues, due generi che comunque fanno solidamente parte del suo background musicale. I testi, sempre in inglese, sono prevalentemente riflessioni sulla società (di uomini finti liberi, per citare il titolo di un brano dell’ultimo album) e sulla vita in generale. Le date totali dalla nascita del progetto a oggi sono circa centocinquanta.
YouTube: https://www.youtube.com/channel/UCI76g5AqaE8Jfp2wo_3GKZA?vv 
Per informazioni e prenotazioni: Agriturismo Campo Rosso, via Buggiana, 146 - Civitella di Romagna (FC) - Tel. 380.5142609 anche whatsapp.

16. ott, 2019

Venerdì 22 novembre nascerà a Forlì, con il sostegno di supporto artistico di Naima Foundation, un nuovo locale per gli amanti del jazz e del blues e si chiamerà Garibaldi82, in corso Garibaldi, 82.
Per l'inaugurazione suonera il granede Watermelon Slim, con Max Prandi e venerdì 29 novembre sarà la volta di Tom Kirkpatrick, col trio di Paolo Ghetti.
Per informazione: 366.1512799.

10. ott, 2019

Domenica 10 novembre, ore 18.00 all'Auditorium San Giacomo di Forlì Fabrizio Bosso e Giovanni Guidi Quintet con “Revolutionary Brotherhood”-
F. Bosso, tromba;
G. Guidi, piano;
F. Bearzatti, sax;
E. Wheeler, contrabbasso;
J. Dyson, batteria.
Musicisti dai percorsi personali e dalle predilezioni estetiche molto diverse, Bosso e Guidi dimostrano come nel jazz sia comunque sempre possibile trovare punti in comune sui quali costruire qualcosa di nuovo. “Revolutionary Brotherhood”è il nuovo disco che presentano assieme al fantastico sassofonista Francesco Bearzatti e due tra i più interessanti giovani talenti emersi dall’inesauribile scena jazz newyorchese.
Informazioni: www.artusijazzfestival.com 

9. ott, 2019

Mercoledì 26 ottobre, ore 20.30 all'Agriturismo Campo Rosso di Civitella di Romagna tornano uno dei nostri gruppi preferiti, gli Etilisti Noti con musica irlandese ma non solo, torna la birra artigianale Mari Alti, condita con lo stinco di maiale al forno, cosa chiedere di più per una festa di fine ottobre.

Birre Artigianali Mari Alti
Cena a km 0
Concerto: Etilisti Noti

Menù da 20 €
Tagliatelle al ragù o strozzapreti
Stinco di maiale o salsicce alla griglia
Patate al forno a spicchi
Birra Media 5 €

Ingresso libero
Per una migliore organizzazione è gradita la prenotazione
Informazione e prenotazioni al n. 380.5142609 anche whatsapp