12. ott, 2016

“l’ultimo bicchiere. Storie più o meno accadute nelle osterie emiliano romagnole"

Per la rubrica dei libri, in questo numero voglio rimanere in tema con il progetto di cultura storico gastronomica del nostro territorio fatto di trattorie e osterie, chiacchiere e musica, consigliando come libro “l’ultimo bicchiere. Storie più o meno accadute nelle osterie emiliano romagnole (Cicogna Editore, 2016), una raccolta di racconti curata dai due scrittori bolognesi. Un bicchiere, un tavolo, e della gente intorno. L’osteria è il posto in cui si raccontano certe storie, altre storie nascono tra una bevuta e l’altra, e le persone si incontrano, favorite dalla sottile incoscienza provocata dal vino. Con Hemingway e Bukowski come numi tutelari, Gianluca
Morozzi e Luca Martini hanno raccolto un manipolo di
scrittori e scrittrici amanti dei brindisi, non hanno dato limiti di genere, e hanno messo insieme questa antologia. Ogni autore ha dato un contributo personale spaziando dai ricordi d’infanzia, alle divagazioni psichedeliche, all’horror, al sentimentale, al demenziale… come in un’ideale serata passata a entrare e uscire da ogni locale della via, bevendo un bicchiere in ogni posto. Qui
si possono trovare Dracula
che visita tre volte la stessa osteria di Bologna a distanza di secoli o ci si addentra in uno Psycho Pub, oppure si scopre dove vanno a bere gli scrittori morti e stramorti, o si dividono calici con un aspirante Doctor Who, o… beh, scopritelo da soli.
Gli scrittori da osteria sono:
Luca Martini, Michele Marziani, Alen Grana, Danilo Masotti, Tommaso Raffoni, Barbara Panetta, Daniela Bortolotti, Antonio Bendini, Gianluca Morozzi, Alberto Petrelli, Francesco Palmisano, Mara Munerati, Elisa Genghini, Massimo Padua, Matteo Pedrini, Francesca Mazzucato, Francesca Viola Mazzoni, Claudia Grande, Alberto Andreoli Barbi, Alessandro Berselli, Fabio Rodda.
R.R.