BAGNACAVALLO

11. dic, 2019

È allestita presso l’Ecomuseo delle Erbe Palustri di Villanova di Bagnacavallo la mostra di presepi creativi La Capanna del Bambinello, a cura dell’associazione culturale Civiltà delle Erbe Palustri.
L’iniziativa, giunta alla settima edizione, prende spunto dal recupero dell’antica usanza locale che, in mancanza delle statuine, vedeva i bambini autori di un presepe realizzato con le patate e caratterizzato dalle figure armate delle carte da briscola, poste a guardia della capanna.
Di anno in anno la mostra di arricchisce di nuove personali interpretazioni della natività a cui tutti possono contribuire usando ogni sorta di tecnica e privilegiando materiali naturali o di recupero. Le opere possono essere consegnate presso l’Ecomuseo durante gli orari di apertura o su appuntamento e saranno restituite al termine della mostra.
Il percorso espositivo si snoda tra le sale al piano terra del museo e all’interno delle capanne in canna palustre dell’Etnoparco: visioni personali, più in linea con la tradizione, si alternano a opere più estrose e originali che colgono sempre appieno lo spirito del presepe.
La mostra sarà visitabile fino al 26 gennaio.
Nella serata di sabato 28 dicembre si terrà la Notte dei Presepi che prevede l’apertura straordinaria della mostra dalle 19.30 alle 23. La serata sarà allietata da canti natalizi e canzoni del cuore a cura del gruppo vocale A voj cantè neca me e da un buffet offerto dall’associazione culturale Civiltà delle Erbe Palustri (per il buffet i posti sono limitati, si consiglia la prenotazione).
La Capanna del Bambinello è inserita nel calendario delle iniziative natalizie del Comune di Bagnacavallo e dell’Unione dei Comuni della Bassa Romagna.
Sempre presso l’Ecomuseo è inoltre possibile visitare la mostra d’arte contemporanea Selvatico – Atlante dei margini, delle superfici e dei frammenti, curata da Massimiliano Fabbri, nella quale gli artisti Ana Hillar, Giorgia Moretti, Luca Zarattini, Amanda Chiarucci, Giacomo Cossio, Paolo Buzzi, Michele Buda e Raniero Bittante espongono una propria opera in dialogo diretto con le raccolte già presenti nel museo, intessendo un articolato e affascinante discorso che indaga e mette al centro il rapporto conflittuale tra natura e artificio, tra uomo e paesaggio (fino al 12 gennaio).

Orari di apertura dell’Ecomuseo e delle mostre: da martedì a venerdì ore 9-13; sabato ore 9-13 e 15-18; domenica ore 10-13 e 15-18. Chiuso il lunedì, il 25 e 31 dicembre e l’1 gennaio. Su richiesta è possibile prenotare visite guidate gratuite per scolaresche e comitive.
L’Ecomuseo delle Erbe Palustri è in via Ungaretti 1 a Villanova di Bagnacavallo.

Informazioni: 0545.47122 - erbepalustri@comune.bagnacavallo.ra.it 
erbepalustri.associazione@gmail.com  - www.erbepalustri.it 

10. dic, 2019

Domenica 15 dicembre un nuovo progetto prenderà vita a Villanova di Bagnacavallo.
È la Piccola fiera del Natale, che si svolgerà dalle 9 alle 16 in piazza Tre Martiri mettendo in mostra la creatività locale, con l’intento di animare il paese mostrando quanto di peculiare ha da offrire.
Il progetto nasce dalle associazioni di volontariato, da cittadini creativi e produttori locali, con la partecipazione di Slow Food Bassa Romagna, Strada della Romagna, Consorzio Il Bagnacavallo, Orto biologico La Radisa, Molino Quercioli e il contributo dell’Ecomuseo delle Erbe Palustri come sede del coordinamento delle Terre del Lamone.
La creatività dei villanovesi parte dagli originali cesti e sporte a intreccio e arriva a splendidi lini decorati con l’antica stampa a ruggine, passando per interessanti proposte di diversi cittadini creativi, il tutto costruito a mano utilizzando materiali naturali o di recupero, come le note Pigotte il cui ricavato va a sostegno delle attività dell’Unicef.
In mostra si troveranno poi prodotti tipici enogastronomici provenienti da aziende agricole, orti biologici e produttori delle terre del Lamone.
Ci saranno inoltre dolci tipici locali e vin brulè e non mancheranno le proposte dedicate ai bambini, che troveranno a loro disposizione i Giochi di legno giochi dell’ingegno e i laboratori curati da esperti animatori.
Informazioni: Associazione Culturale Civiltà delle Erbe Palustri
0545.47122 - erbepalustri.associazione@gmail.com 

9. dic, 2019

Quotidianità è il titolo della mostra personale di Lupez in programma presso la vetrina di Bottega Matteotti a Bagnacavallo fino al 6 gennaio.
Lupez, amante della natura in tutte le sue sfaccettature, presenta delle fini incisioni utilizzando l’antica tecnica dell’acquaforte rivisitata in chiave moderna. Nelle sue opere rappresenta il paradigma della vita moderna, nella sua precarietà. Giocando con il contrasto tra il nero dell’inchiostro, la vivacità dei colori e le forme geometriche elementari crea scenari immaginari. Potrebbero sembrare irreali ma riportano alla vita attuale che è caratterizzata da fragili equilibri…
Luigi Pezzola, in arte Lupez, è nato a Roma nel 1974. Ha studiato presso la Scuola d’Arte Bartolomeo Ramenghi di Bagnacavallo dove ha frequentato i corsi di disegno, pittura, scultura e incisione. La conoscenza dei diversi linguaggi espressivi gli permette di lavorare utilizzando spesso le tecniche miste e di realizzare originali installazioni dove predilige comunque intervenire in ambienti decadenti, per mettere in risalto il concetto di tempo. Cura particolarmente l’aspetto incisorio per il quale ha avuto tra i suoi maestri il grande bulinista Jürgen Czashka, che con Bagnacavallo ha avuto un rapporto speciale.
L’artista sta lavorando in quest’ultimo periodo a una serie d’incisioni dove crea una sinergia tra il mondo animale e la dimensione industriale riuscendo a mettere in evidenza anche raffinati aspetti ironici.

Bottega Matteotti è in via Matteotti 26.
Quotidianità fa parte di Bottega Matteotti: Arte in vetrina, spazio espositivo permanente curato da Andrea Tampieri, artista e insegnante di discipline artistiche di Bagnacavallo. Le mostre sono curate dall’associazione culturale Controsenso in collaborazione con Bottega Matteotti, con il patrocinio del Comune.
Informazioni: 0545.60784 - www.bottegamatteotti.it 

18. set, 2019

A Bagnacavallo Accademia Bizantina dà vita a Opera Lab, un modo nuovo, dinamico e coinvolgente per avvicinare e far appassionare i più giovani allo straordinario repertorio della musica classica. I laboratori – rivolti a tutti i ragazzi e le ragazze tra gli 8 e i 16 anni che stanno compiendo un percorso di studi musicali – partono il 13 ottobre.

Per poter fruire con godimento del repertorio classico, la conoscenza è imprescindibile. Per questo Opera Lab, il nuovo progetto di Accademia Bizantina, offre un percorso ricco di attività musicali e di relazione, che attraverso la condivisione, il gioco e lo studio, porta i partecipanti a scoprire e amare i tesori della musica classica. Ogni modulo di Opera Lab ha un tema e si conclude con l’uscita a teatro, tutti insieme, per assistere allo spettacolo studiato.

Durante i laboratori verranno proposte varie attività musicali attive e ricettive:

– studio e interpretazione delle partiture (brani solistici – orchestrali – corali)
– conoscenza delle trame e dei personaggi
– approfondimento della vita dei compositori
– ascolto guidato dei brani
Ma oltre allo studio, individuale e d’assieme, grande spazio verrà dato allo sviluppo delle relazioni interpersonali e all’espressione di sé, attraverso giochi e attività che permettono a ogni ragazzo di far emergere la propria personalità umana e musicale all’interno del gruppo.

A chi è rivolto?
Opera Lab è rivolto a tutti i ragazzi e le ragazze tra gli 8 e i 16 anni che stanno compiendo un percorso di studi musicali. Ogni laboratorio – tenuto da Alice Bisanti e Valeria Montanari – può accogliere un massimo di 20 partecipanti e si svolgerà a Bagnacavallo, presso la sede di Accademia Bizantina, in via F.lli Bedeschi 9.

Le recite e i concerti avranno invece luogo al Teatro Alighieri di Ravenna o al Teatro Fabbri di Forlì, a seconda del laboratorio.

Programma Opera Lab 2019/2020:

Aida di G. Verdi
Laboratori (dalle 15.30 alle 17.30)

Domenica 13 ottobre 2019
Domenica 20 ottobre 2019
Domenica 27 ottobre 2019

Uscita a teatro
Giovedì 31 ottobre ore 15.00 – Teatro Alighieri di Ravenna

Serse di Händel
Laboratori (dalle 15.30 alle 17.30)

Giovedì 2 gennaio 2020
Venerdì 3 gennaio 2020
Sabato 4 gennaio 2020

Uscita a teatro
Giovedì 8 gennaio ore 15.00 – Teatro Alighieri di Ravenna

Vivaldi – Concerti per archi e viola d’amore
Laboratori (dalle 15.30 alle 17.30)

Sabato 22 febbraio 2020
Sabato 29 febbraio 2020
Sabato 7 marzo 2020

Uscita a teatro
Venerdì 13 marzo ore 20.30 – Teatro Fabbri di Forlì

Quota di partecipazione
€ 120 per un laboratorio;
€ 235 per 2 laboratori;
€ 350 per 3 laboratori.
La quota, non rimborsabile, comprende: la partecipazione ai laboratori, i materiali didattici, un biglietto di ingresso a teatro.

Iscrizioni fino a esaurimento posti.
Per effettuare l’iscrizione è necessario scaricare la scheda di iscrizione dal sito accademiabizantina.com e inviarla compilata insieme alla ricevuta del pagamento a mezzo bonifico bancario a alicebisanti@accademiabizantina.it

Per informazioni contattare: 0545/61208