BOLOGNA e DINTORNI

12. mar, 2019

Sabato 8 giugno a Roma (Monk)
Mercoledì 19 giugno (Botanique Festival) ai Giardini di via Filippo Re
Lunedì 5 agosto a Corigliano D'Otranto (LE) (Sud Est Indipendente Festival), Fossato del Castello di Corigliano d'Otranto.
JOAN AS POLICE WOMAN
In concerto in Italia
"Solo Tour"
Multistrumentista newyorkese originale e stravagante, negli anni ha collaborato con artisti del calibro di Elton John, Lou Reed, Nick Cave, Rufus Wainwright, Antony e Battiato.
Ad un anno dalla pubblicazione di "Damned Devotion", l’ultimo acclamato disco di studio, Joan As Police Woman torna con "Joanthology", il multi-album con i migliori successi e brani inediti in arrivo a maggio su etichetta Pias
"The coolest woman in pop" - The Times
"This is breathtakingly good music" - Uncut
"full of meditative beauty…ravishing and lovelorn" - Mojo
"Sensational" - Sunday Times.
A voice so wondrous and moving that it makes everyone else’s seem ordinary and mundanè - The Guardian.
Ad un anno dalla pubblicazione di ‘Damned Devotion’, Joan As Police Woman annuncia ‘Joanthology’, la prima retrospettiva della stravagante multistrumentista in arrivo a maggio (Pias Rercordings), un multi album contenente i migliori successi dell’artista newyorkese e materiale inedito, un’antologia degli ultimi quindici anni di brillante carriera musicale, spaziando nei generi e nelle influenze, mettendo in rilievo la dedizione alla sperimentazione che Joan ha sempre avuto nei confronti della musica e dell’arte in senso ampio. In occasione del tour che accompagnerà la pubblicazione del disco, Joan As Police Woman si esibirà in solo, un ritorno alle origini del sound che da sempre la contraddistingue, tra pianoforte, chitarra, la sua inconconfondibile voce e la sua carismatica presenza scenica. L’ultimo tour in solo risale al 2006, in occasione della pubblicazione di "Real Life"; i nuovi concerti in solo sono un gradito omaggio ai fan che da sempre, e sempre più numerosi, la seguono. Il tour di "Joanthology" vedrà Joan suonare i brani contenuti nell’antologia e brani tratti dal secondo album di cover di prossima pubblicazione. Si preannunciano imperdibili gli appuntamenti che porteranno Joan As Police Woman sui palchi italiani a giugno ed agosto!
Dopo aver celebrato nel 2016 una decade di successi internazionali con “Let It Be You”, il disco realizzato in collaborazione con Benjamin Lazar Davis, Joan As Police Woman pubblica nel 2018 ‘Damned Devotion’, un album intimo ed introspettivo. Mentre “The Classic” (2014) era una celebrazione appassionata della vita e “The Deep Field” (2011) respirava romanticismo in ogni canzone, “Damned Devotion” è un ritorno alle origini, ai testi nudi e alle melodie senza tempo che avevano caratterizzato “To Survive” (2008) e “Real Life” (2006).
Nata nel 1970, Joan As Police Woman è cresciuta con la sua famiglia adottiva in Connecticut, fino a quando si è trasferita a Brooklyn per unirsi alla scena musicale di quel periodo. Ha delle basi solide. Ha studiato violino all’università e suonato in un’orchestra. Nel 1994 quando raggiunge New York inizia ad esibirsi con band art/punk, sperimentando i parametri del suono del suo violino. Inizia poi a lavorare come turnista con Antony and the Johnsons e Rufus Waiwright poi Lou Reed, Beck, Toshi Reagon, David Sylvian, Sparklehorse, Laurie Anderson e Damon Albarn.Ultimamente ha lavorato con Sufjan Stevens, John Cale, Aldous Harding, Woodkid, Justin Vivian Bond, RZA, Norah Jones e Daniel Johnston ed ha inoltre prodotto l’album di Lau che ha vinto un premio per il suo avant-folk scozzese.
Joan As Police Woman è un progetto nato nel 2002 e chiamato così in omaggio alla star degli show TV polizieschi Angie Dickinson. I suoi precedenti album sono stati acclamati da pubblico e critica e hanno vinto premi tra cui l’Independent Music Awards (Real Life) e il Q Magazine’s Album of the Year (To Survie).
www.joanaspolicewoman.com  - www.facebook.com/joanaspolicewoman 
Apertura porte ore 20.00 - inizio concerto ore 21.30
Prezzo del biglietto: 15 € + d.p.
Biglietti in vendita su Ticketone (online ed offline)
Informazioni su come acquistare i biglietti:
Ticketone – 892.101 – www.ticketone.it 
Vivaticket – 892.234 – www.vivaticket.it 
www.internationalmusic.it  - 059.644688

20. feb, 2019

Dal 18 al 21 luglio a Porretta Terme (BO) la 32° edizione di uno dei più importanti festival soul in Italia e nel mondo, il Porretta Soul Festival con Don Bryant, Willie West, Wendy Moten, Tony Wilson, Khylah B., Wee Willie Walker, Curtis Salgado e J. P. Bimeni.
Giovedì 18 luglio prende il via al Rufus Thomas Park di Porretta Terme (Bo) la trentaduesima edizione del Porretta Soul Festival, uno dei più importanti festival soul in Italia e nel mondo.
Si alterneranno sul palco artisti del calibro di Don Bryant feat. The Bo-Keys, Anthony Paule Soul Orchestra, Willie West, Wendy Moten, Tony Wilson the Young James Brown, Khylah B., LaRhonda Steele, Wee Willie Walker, Chilly Bill Rankin & Jerry Jones, Annika Chambers, Curtis Salgado Band, J.P. Bimeni & The Black Belts, Leon Beal with Sax Gordon and the Luca Giordano Band, Re:Funk feat. Pee Wee Ellis, Judy Lei, The Sweethearts e Georgia Van Etten.
Quattro giorni a suon di soul, blues e rhythm & blues con una line-up che attinge direttamente dalle grandi città americane come Memphis (Don Bryant & The Bo Keys, Wendy Moten, Chilly Bill Rankin, Jerry Jones, Wee Willie Walker), New Orleans (Willie West), Chicago (Tony Wilson - The Young James Brown, Khylah B.), Houston (Annika Chambers), Portland (LaRhonda Steele, Curtis Salgado), Boston (Leon Beal, Sax Gordon) ma anche dalla Australia (The Sweethearts, Georgia Van Etten) e, per la prima volta, dal Burundi (J.P. Bimeni).
Pee Wee Ellis, già arrangiatore di James Brown ed Esther Phillips, riceverà un premio alla carriera per il contributo dato alla promozione e alla diffusione della musica soul e rhythm & blues.
La resident band del festival sarà la Anthony Paule Soul Orchestra composta da Anthony Paule, alla chitarra, Endre Tarczy, al basso, Tony Lufrano, al piano ed Hammond B3, Derrick Martin, alla batteria, Charles McNeal, al sax tenor, Robert Sudduth, al sax baritone, Derek James, al Trombone, Bill Ortiz, alla tromba,
e Larry Batiste, Sandy Griffith, Omega Brooks, ai cori.
La suggestiva atmosfera di Porretta Terme farà da cornice alla manifestazione insieme allo Street Food Village in pieno centro storico con concerti gratuiti dalle ore 11 alle 19. Inoltre, dal 16 al 26 luglio, nei dintorni di Porretta, ci sarà The Valley of Soul, iniziativa che vedrà concerti collaterali con tanti protagonisti del festival. Il Mercato Storico, che si tiene ogni sabato, offre una vasta gamma di prodotti tipici di origine emiliana e toscana e si estenderà ai quattro giorni del festival.
Porretta Terme vanta una posizione strategica, ad un’ora di percorrenza da Bologna e Firenze, unite dalla storica Ferrovia Porrettana. Conosciuta per le acque termali, vera e propria attrazione naturale, la cittadina ospita, ogni anno, migliaia di turisti provenienti da tutto il mondo, in cerca di relax e benessere. Il centro storico di Porretta Terme possiede una suggestiva architettura classica e presenta monumenti, edifici storici e religiosi degni di nota: la chiesa parrocchiale di Santa Maria Maddalena, il Palazzo Comunale, il Santuario della Madonna del Ponte e a poca distanza Castello Rocchetta Mattei.
PORRETTA SOUL FESTIVAL
Ingresso per una serata: 30 euro
Ingresso per tre serate: 75 euro
Abbonamento a tutti concerti: 90 euro
Prevendite su www.vivaticket.it 
Info: www.porrettasoulfestival.it  – tel. 335.6364192.