Cosa sapere per sta bene...

24. gen, 2019

Sabato 26 gennaio i volontari di AIRC tornano in più di 3.000 piazze con le Arance della Salute®. Inizia l’anno con un grande gesto di solidarietà, per dare nuova forza al lavoro dei nostri ricercatori.
Con il tuo contributo riceverai una reticella di 2,5 kg di Arance di Sicilia e un’utile guida sui corretti stili di vita e prevenzione.
E in più, in molte piazze potrai trovare anche i vasetti di marmellata di arance e il miele ai fiori d’arancio.
Trova la tua piazza: https://www.arancedellasalute.it/ 

11. gen, 2019

Flavonoidi, carotenoidi e vitamina C sono tra i grandi alleati della buona salute: hanno effetti positivi sul sistema immunitario, sugli occhi e la pelle, oltre a contribuire a ridurre il rischio di tumori e malattie cardiovascolari.
Per farne scorta basta consumare una buona quantità di arance, limoni, mandarini e pompelmi. Con poche calorie, gli agrumi determinano senso di sazietà e apportano buone quantità di micronutrienti essenziali, antiossidanti, fibre e altri composti fitochimici ad azione protettiva.
Grazie agli Agrumi di Fondazione ANT, inoltre, si aggiunge un ulteriore effetto benefico: contribuire ai progetti di prevenzione oncologica che ANT porta in tutt’Italia, offrendo ogni anno oltre 20.000 visite e controlli gratuiti per la diagnosi precoce di diverse patologie tumorali. Sei persone su dieci in Italia, nel 2018, sono state costrette a rinunciare a cure specialistiche ed esami e tra queste, il 31% ha messo da parte la prevenzione, come ha evidenziato lo studio dell’Osservatorio sul bilancio di welfare delle famiglie italiane di MBS Consulting – spiega Raffaella Pannuti, presidente ANT - Fondazione ANT da sempre si impegna per rendere alla portata di tutti la cultura della prevenzione oncologica, informando, sensibilizzando e soprattutto erogando ogni anno visite di prevenzione in diversi ambiti. Tutto questo non sarebbe possibile senza il contributo di grandi aziende e privati cittadini che ci sostengono in questa importante attività con le proprie donazioni.
Nei mesi di gennaio e febbraio, i Volontari ANT saranno presenti nelle piazze e in diverse aree cittadine per offrire confezioni di pompelmi, arance, limoni e mandarini a fronte di un'offerta da destinare ai progetti di prevenzione oncologica primaria e secondaria - nutrizione, tumori della cute, tiroidei, ginecologici, mammari, del cavo orale e del testicolo - che dal 2004 a oggi hanno consentito di raggiungere oltre 185.000 persone in 88 città d’Italia.
Per informazioni sui luoghi e le date in cui trovare gli Agrumi della Solidarietà ANT, visitare il sito www.ant.it.

20. nov, 2018

Una dieta con poco glutine può avere benefici per la salute anche per chi non è intollerante a questa proteina contenuta nel grano e in altri cereali. E' la conclusione di uno studio apparso sulla rivista Nature Communications, che mostra come una dieta a basso contenuto di glutine modifichi il microbioma intestinale, riduca il gonfiore e provochi una piccola perdita di peso. Ma solo a condizione che contenga anche fibre di alta qualità.
Un numero crescente di persone adotta una dieta priva di glutine, anche senza essere allergiche o intolleranti, ma alcuni studi hanno suggerito che questo potrebbe aumentare il rischio di sviluppare diabete. Per indagarne gli effetti, i ricercatori del Centro di ricerca sul metabolismo di Novo Nordisk, presso l'Università di Copenaghen hanno coinvolto in uno studio randomizzato 60 adulti sani, tra i 22 ei 65 anni, sottoponendoli ad una dieta a basso contenuto di glutine 2 grammi al dì) e successivamente ad una dieta ad alto contenuto di glutine (18 grammi al dì). Le diete portate avanti ciascuna per 8 settimane, erano simili per calorie e qualità dei nutrienti ma diverse nella composizione di fibre. I ricercatori hanno esaminato i cambiamenti nella fermentazione intestinale monitorando microbioma e urina dei partecipanti. I risultati dello studio, afferma l'autore principale Oluf Pedersen, mostrano che "una dieta povera di glutine e ricca di fibre induce cambiamenti nella struttura dell'ecosistema intestinale e migliora il gonfiore auto-riferito. Inoltre, abbiamo osservato una modesta perdita di peso, forse innescata dalle alterate funzioni batteriche dell'intestino". Ma tali benefici, sottolinea, "erano dovuti non tanto alla sola assenza di glutine, quanto alla sua sostituzione con fibre d'origine vegetale".
Fonte: Ansa.it

10. lug, 2017

Chi non ha mai comprato una bottiglia di aceto di mele? Chi non lo ha mai usato come condimento per le insalate in alternativa all’aceto di vino o al più aromatico aceto balsamico? Ma in quanti sanno che l’aceto di mele fa bene al nostro organismo come integratore o depurante e antinfiammatori prendendosi cura del nostro apparato digerente migliorando anche la digestione?L’aceto di mele, usato fin dai tempi antichi, è ricco di oligoelementi come calcio, potassio, magnesio, rame e ferro. Un bicchiere di acqua (200 cc.) con un cucchiaino di aceto di mele preso a digiuno alla mattina permette al corpo di assorbire in modo corretto tutti gli alimenti rendondoci più forti e in buone condizioni di salute; disintossica colon e intestino favorendo la digestione, depura eliminando le tossine e migliora il funzionamento del sistema linfatico permettendo al sangue di fluire al meglio. Riduce l’ipertensione, contribuisce a diminuire i trigliceridi e migliora il riequilibrio alcalino. Assunto prima dei pasti viene considerato come integratore, ricco di vitamina B6 e di pectina, che insieme ad una dieta bilanciata e ad una sana attività fisica può permettere di perdere peso. Mai superare le dosi e i 10 giorni consecutivi di assunzione.
Questo nettare di mele, per uso esterno, può essere usato come tonico per la pulizia del viso e la cura dell’acne.

R.R.

27. feb, 2017

Gli olii essenziali o Essense Aromatiche, dopo che per anni erano stati dimenticati, stanno tornando sempre più alla ribalta del pubblico che li richiede.
L’aromaterapia e la fitoterapia permettono di ottenere risultati migliori rispetto ai prodotti chimici di sintesi, che risultano molto più aggressivi sull’organismo. Il colore, il profumo, l’aroma e la sostanza alimentano la mente, il corpo e lo spirito. Dunque “Essenza” racchiusa in una piccola goccia per l’esigenza dell’uomo moderno che ha bisogno di un prodotto facile da dosare e pratico da utilizzare in qualiasi situazione.
Inoltre per chi spesso ha dubbi diciamo che gli stessi olii essenziali destinati all’uso interno sono regolarmente notificati presso il Ministro della Salute come integratore Alimentare e sono diversi da quelli destinati agli usi tipici dell’aromaterapia e della cosmesi soltanto a livello grafico e per etrambi, la Farmaerbe garantisce il massimo grado di purezza e naturalità.
R.R.