MOSTRE

5. dic, 2019

Sabato 7 dicembre alle 16, nel Chiostro del Carmine di Lugo, verrà inaugurata la mostra Rustico - opere: un’esposizione della donazione di Giuseppe Rustichelli a dieci anni dalla sua scomparsa.
Giuseppe Rustichelli, detto Rustico, lughese di nascita, dopo avere studiato all’Accademia di Belle Arti di Carrara, si iscrive a quella di Firenze e poi a Roma, dove completa gli studi in arti plastiche. Nella capitale, tra il 1936 e il 39;40, entra in contatto con diversi artisti, tra i quali Fazzini, Mazzacurati, Guttuso e Martini, che lo incoraggiano al lavoro di scultore. Nel 1947 ottiene la laurea in architettura e per alcuni anni è assistente di Marino Mazzacurati al Liceo Artistico di Roma. Come architetto svolge un’intensa attività di progettista, realizzando edifici pubblici in ambito ravennate e faentino, come la Fabbrica Everest di Fusignano, la scuola elementare di Russi, il Liceo scientifico e il Padiglione dell’Ospedale di Lugo e Villa Mazzari a Lugo.
L’evento è organizzato dal Comune di Lugo e la mostra sarà visitabile, dal 7 dicembre al 10 gennaio 2020, nei giorni e negli orari di apertura del complesso del Carmine.

5. dic, 2019

Libere e sovrane - Le 21 donne che hanno fatto la Costituzione è il titolo della mostra promossa dall’Anpi che verrà inaugurata sabato 7 dicembre alle 16 nella Sala del Consiglio comunale di Bagnacavallo.
Interverranno Monica Minnozzi del Comitato Nazionale Anpi, il vicesindaco Ada Sangiorgi e Valentina Giunta, presidente della sezione Anpi di Bagnacavallo.
La mostra, composta da ventuno tavole illustrate realizzate appositamente da Michela Nanut, è nata dal desiderio di riscoprire le “madri costituenti” e il loro contributo nella stesura della Carta Costituzionale ed è frutto di un lavoro di gruppo a cui hanno partecipato Micol Cossali, Giulia Mirandola, Mara Rossi e Novella Volani.
Nel 1946, per la prima volta nella storia del Paese, le donne votarono e furono elette, parteciparono alle elezioni amministrative, al referendum istituzionale per scegliere tra Monarchia e Repubblica e presero parte all’Assemblea Costituente che aveva il compito di redigere la Costituzione della nuova Repubblica. Nell’Assemblea Costituente, tra le 556 persone elette ci furono 21 donne che parteciparono ai lavori e alle discussioni per la scrittura dei principi fondamentali della democrazia italiana.
La mostra sarà visitabile fino al 21 dicembre nell’atrio del Palazzo Municipale di Bagnacavallo, in piazza della Libertà, negli orari di apertura degli uffici comunali.
Ingresso libero.
L’iniziativa, che apre le manifestazioni per il 75° anniversario della Liberazione di Bagnacavallo, ha il patrocinio del Comune.

Per informazioni e prenotazioni di visite: bagnacavalloanpi@gmail.com  - 389.0003321.

28. nov, 2019

Galleria comunale “Leonardo da Vinci”, dal 1 dicembre 2019 al 12 gennaio 2020
Inaugurazione domenica 1 dicembre, ore 18.30.
I colori vivaci e i materiali originali di Berico (Enrico Bartolini) tornano in mostra a Cesenatico alla Galleria “Leonardo da Vinci” dal 1 dicembre al 12 gennaio in occasione delle prossime festività natalizie.
Enrico Bartolini detto Berico è un artista di lungo corso, poliedrico e di solida capacità tecnica, che ha trovato nella tradizione l’ancoraggio di una sperimentazione che dalle vele tinte e dipinte dell’Adriatico lo ha poi portato, seguendo il filone che si alimenta con i colori primari delle terre e le figurazioni semplici dell’arte popolare dei pitòr de ànzoi (“pittori di angeli”), su una strada che arriva sino alle inaspettate raffinatezze dei parèci, i paramenti liturgici che adornavano le chiese veneziane. Proprio i parèci di “Vexilla Regis”, realizzati sulle preziose stoffe di Rubelli, già esposte nella città lagunare alla galleria Giudecca 795 e alla chiesa di San Salvador, e poi a Padova al Caffè Pedrocchi, arrivano ora per la prima volta a Cesenatico dando anche il titolo alla mostra, che contiene però anche altre manifestazioni della inesauribile creatività di Berico. Ad esempio le “tende al mare”, con le quali l’artista cesenaticense si è misurato mescolandole con i simboli e colori delle vele nell’estate 2005, in una apprezzatissima edizione di questa manifestazione dal titolo “Padiglione di Eolo”; le vele vere e proprie, decorate ma anche perfettamente funzionanti, come quella che era issata sulla barca di famiglia; o le altre opere, in particolare sculture in espanso di animali fantastici, realizzate per l’amico Dario Fo che ha sempre apprezzato Berico definendolo “un pittore di grandissima sensibilità e dotato di un notevole gusto per la materia ed il colore, che con mezzi semplici e poveri sa creare atmosfere altamente poetiche”.
In definitiva una mostra, quella di Berico, che apre lo sguardo su un panorama di creatività e di sperimentazione sempre in movimento, e allo stesso tempo già pienamente compiuta nei suoi esiti.

Dal 1 dicembre 2019 al 12 gennaio 2020, alla Galleria comunale “Leonardo da Vinci”.
Inaugurazione domenica 1 dicembre, ore 18:30
Ingresso libero.

26. nov, 2019

Inaugura venerdì 29 alle 18 a Palazzo Rasponi 2, via D’Azeglio 2, Espressioni, mostra itinerante di mosaico, pittura e fotografia; ad accompagnare l’evento il contributo musicale di Caterina e Maurizio Sangiorgi.
A esporre tre artisti: Rita Benzoni mosaicista, ravennate di nascita e veneta d’adozione, Luciano Paganelli, pittore cesenate e Domenico Bressan, fotografo ravennate. Tre arti, tre stili, tre personalità a confronto. L’idea nasce da una collaborazione artistica incentrata sulla condivisione, la ricerca tecnica e introspettiva che, attraverso il ritratto, si sviluppa attorno ad un tema unico: l’espressione. Nel percorso espositivo si svilupperanno tre percorsi di opere rappresentative di ciascun artista, l’elaborazione di un soggetto comune e, infine, il coinvolgersi uno nel mondo dell’altro dove il pittore fissa sulla tela la mosaicista, il fotografo cattura un momento del lavoro del pittore e la mosaicista riproduce con le tessere la figura del fotografo, in un confronto introspettivo delle tre personalità.
Da sempre la psicologia entra a far parte dell’arte e diventa chiave fondamentale di lettura per l'analisi delle opere. Seguendo lo spunto freudiano, ogni ritratto è anche un autoritratto e, simmetricamente, ogni autoritratto è un ritratto, il volto dell'altro è lo stagno di Narciso in cui l'artista cerca sé stesso affacciandosi sul proprio inconscio. Attraverso la fruizione delle opere e il confronto dei tre artisti, anche lo spettatore potrà fare un proprio viaggio interiore riflettendosi nelle immagini proposte.
La mostra sarà visitabile fino al 13 dicembre, dal martedì al venerdì dalla 15.30 alle 19.30; sabato e domenica dalle 10.30 alle 12.30 e dalle 15.30 alle 19.30; chiuso il lunedì. Ingresso gratuito.

25. nov, 2019

Sarà inaugurata sabato 30 novembre al Museo della Marineria di Cesenatico la mostra Luciano Nanni fotografo. Sguardi oltre la bottega, preceduta alle ore 16 30 dalla presentazione del libro che accompagna l’esposizione.
Oltre al saluto del sindaco di Cesenatico, Matteo Gozzoli, sono previsti interventi dei curatori Veronica Pari e Orlando Piraccini e dello stesso fotografo cesenaticense Luciano Nanni, del quale mostra e volume propongono un’ampia selezione di immagini scattate tra gli anni ’60 e gli anni ’70, nel tempo libero rispetto all’attività professionale.
Le fotografie sono tratte dall’archivio della Bottega Nanni, fonte straordinaria di conoscenza non esclusivamente d’interesse locale. “L’auspicio - afferma a questo proposito il sindaco Matteo Gozzoli - è che ripartendo proprio da questo libro e da questa mostra sia possibile rendere pienamente fruibile un deposito di memoria come quello rappresentato dall’Archivio Nanni, quale prezioso bene culturale riguardante per intero la collettività cesenaticense”.
“Un preciso fil rouge - spiega Orlando Piraccini - lega fra loro le diverse scansioni tematiche della sequenza proposta da Luciano Nanni. Totalmente immerso nella realtà della “sua” amata Cesenatico, il fotografo ha rappresentato il vero volto del vecchio borgo, con i suoi scorci pittoreschi lungo l’asta del portocanale, la vita ed il lavoro dei marinai, il pesce che diventa protagonista nelle barche e nella vecchia pescheria, gli espressivi ritratti di personaggi caratteristici del paese”.
Di particolare interesse è il racconto per immagini della famiglia Nanni e del suo stretto legame con l’attività del rinomato negozio avviato nel 1919 da Giuseppe, per tutti Cimbro (Cervia, 1878 – Cesenatico, 1953), poi passato al figlio Alberto (Cesena, 1911 – Cesenatico, 1999), fino all’avviamento di Luciano alla “professione fotografo”.

La mostra, promossa dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Cesenatico, Servizio Beni e Attività Culturali, si avvale della collaborazione di diversi sponsor e collaborazioni:
Cooperativa Casa del Pescatore Cesenatico, Confartigianato Cesena, Ciclo & Vento, Romagna Banca Credito Cooperativo, La Buca Ristorante Cesenatico; l’iniziativa inoltre come tutte quelle del Museo Marineria è supportata da Gesturist Cesenatico Spa.
La mostra resterà aperta al pubblico fino al 12 gennaio 2010 seguendo gli orari di apertura del Museo della Marineria (www.museomarineria.eu)