FAENZA e DINTORNI

18. ott, 2018

I contenuti di questo corso che si svolge a Faenza (RA), a cura di Music Academy in collaborazione con Artistation e il MEI di Faenza,  si attengono principalmente a nozioni tecniche, procedure, sistemi informatizzati/software, materiali, inerenti l’allestimento degli impianti fonici per la riproduzione o la registrazione del suono, l’esecuzione delle prove di funzionamento e settaggio degli impianti fonici, la produzione audio durante lo spettacolo, riprese televisive o cinematografiche, il montaggio audio in un’ottica di sostenibilità. Saranno inoltre trattati contenuti trasversali quali: inglese tecnico, sicurezza e gestione della professione: management, imprenditorialità, ecc.
Il profilo professionale in esito al percorso formativo è un Tecnico del Suono che gestisce l’audio in tutti i suoi aspetti tecnici ed artistici: installazione degli impianti fonici, prove, settaggio e registrazione delle tracce sonore, durante l’esecuzione/registrazione di eventi culturali, musicali, cinematografici e d’intrattenimento in generale, garantendo la qualità dell’onda sonora.
E’ in grado inoltre d’intervenire in fase di post-produzione nel montaggio audio (trattamento e montaggio, tracce musicali, ecc. e masterizzazione dei
supporti audio) utilizzando software di missaggio ed elaborazione digitale del suono.
Informazioni e prenotazioni: http://www.music-academy.it/tecnico-del-suono-fse-a-faenza-ra/ 

16. ott, 2018
Martedì 23 Ottobre Sala Consiliare E. De Giovanni- FAENZA ore 20,45
Memoria e futuro: luoghi, persone, pietre
Relatori:
ANNA FOA, storica, Università La sapienza – Roma
PIERO STEFANI, biblista, Facoltà Teologica dell’Italia settentrionale - MI
Introduzione:
EMANUELE MARIANI, filosofo, Università di Lisbona
GIORGIO GUALDRINI, architetto
 
Giovedì 25 Ottobre Cinema Europa – FAENZA ore 20,30
Proiezione del film (ingresso € 2,00)
“IL POSTO DELLE FRAGOLE” (regia di Ingmar Bergman)
Introduzione e dibattito a cura di:
EMANUELE MARIANI, filosofo, Università di Lisbona.
MARCO FERRINI, teologo e parroco
 
Martedì 30 Ottobre Sala Consiliare E. De Giovanni- FAENZA ore 20,45
Religione e società fra tradizione e riforme
Relatori:
PAOLO NASO, storico e politologo, Università La Sapienza, Roma
CRISTINA SIMONELLI, teologa, Facoltà Teologica dell’Italia Settentrionale - Milano
Introduce:
OTELLO GALASSI, teologo
 
Venerdì 9 Novembre Sala Consiliare E. De Giovanni- FAENZA ore 20,45
La responsabilità del futuro
Incontro con:
ERALDO AFFINATI, scrittore e fondatore della scuola Penny Wirton, Roma
Introduce:
DANIELE MORELLI, presidente associazione Romagna-Camaldoli
 
Martedì 13 Novembre Cinema Europa ore 20,30
Proiezione del film (ingresso € 2,00)
“SINFONIA D’AUTUNNO” (regia di Ingmar Bergman)
Introduzione
ANDREA PANZAVOLTA, critico cinematografico e saggista
 
RELATORI
Profili biografici
ANNA FOA insegna "Storia Moderna" presso l'Università "La Sapienza" di Roma. I suoi studi si sono--concentrati soprattutto sui temi connessi alla storia della cultura nella prima età moderna, con 'un'a particolare attenzione alla Storia degli ebrei in Europa. Fra le sue innumerevoli pubblicazioni ricordiamo: Giordano Bruno (11Mulino, 1998, 2015), Ebrei in Europa dalla Peste Nera all'Emancipazione (Laterza, 1992,2004), con A. Bravo e L. Scaraffia I nuovi fili della memoria. Uomini e donne nella storia (Laterza 2003), Eretici (Il Mulino, 2004), Diaspora. Storia degli ebrei nel Novecento (Laterza, 2009), Portico d'Ottavia 13 (Laterza, 2016), La famiglia E (Laterza, 2018). Ha curato la mostra Ebrei, una storia italiana. I primi mille anni che si è tenuta nel 2018 all'interno del MEIS di Ferrara (Museo nazionale dell'ebraismo italiano e della Shoah) inaugurato il 13 dicembre del 2017 dal presidente Sergio Mattarrella.
PIERO STEFANI, dopo aver insegnato "Filosofia della religione" all'Università di Ferrara è docente presso la Facoltà Teologica dell'Italia Settentrionale di Milano. Già presidente di Biblia "Associazione laica di cultura biblica", dirige oggi il SAE (Segretariato Attività Ecumeniche). Tra le sue innumerevoli pubblicazioni ricordiamo, L' antigiudaismo. Storia di un'idea (Laterza, Roma-Bari, 2004), l'introduzione e la cura editoriale di Liana Millu, Tagebuch. Il diario del ritorno dal Lager (Giuntina, Firenze, 2006), Non nominare il nome di Dio invano (con Carlo Galli, Il Mulino, 2010), Gesù. Un nome che ci accompagna da 2000 anni (Il Mulino, 2012), Qohelet, (Garzanti, Miliano, 2013), La bibbia di Michelangelo (Claudiana, Torino, 2015), Il grande racconto della Bibblia (II Mulino, Bologna, 2017).
EMANUELE MARIANI è nato a Faenza nel 1976. Laureato all'Università di Bologna, ha conseguito il dottorato di ricerca in filosofia presso l'Université Paris-Sorbonne e l'Università del Salento (Lecce). Sotto la direzione di J.-L. Marion de l’Académie francaise, le sue ricerche si sono concentrate sulla tradizione aristotelica della fenomenologia e sul concetto d'analogia in continuità con il progetto filosofico di Enzo Melandri, cui era stata consacrata la tesi di laurea. Nel 2011 ha vinto il "Premio Sainati" che gode del sostegno del Presidente della Repubblica e del Senato. A questo riconoscimento è seguita la pubblicazione del volume "Nient'altro che l'essere" (ETS, Pisa 2012). In seguito a un periodo d'attività post-dottorale, Emanuele Mariani è ora ricercatore di ruolo presso l’Universidade de Lisboa dove continua a occuparsi del pensiero fenomenologico tedesco, francese e italiano.
PAOLO NASO insegna "Scienza politica" all'Università "La Sapienza" di Roma, per la quale coordina il Master in "Religioni e mediazione culturale". E anche docente di "Teologia interculturale" alla Facoltà valdese di Roma. Per la Federazione delle chiese evangeliche coordina il programma "Mediterranean Hope - Rifugiati e migranti". È stato coordinatore del "Consiglio per il dialogo con l'Islam", istituito presso il Ministero dell'Interno e, in questo ruolo, ha facilitato la sottoscrizione del "Patto per un islam italiano" firmato dalle principali associazioni islamiche in Italia. Negli ultimi anni si, è occupato di religioni nello spazio pubblico, libertà religiosa, Minoranze, immigrazione. Tra i suoi libri più recenti ricordiamo: Pentecostali (EMI 2015), L'incognita post-secolare. Pluralismo religioso, fondamentalismi, laicità" (Guida 2018). E in uscita, con Maurizio Ambrosini e Claudio Paravati, Il Dio dei migranti (Il Mulino).
CRISTINA SIMONELLI, teologa, insegna "Storia della chiesa" e "Letteratura cristiana antica" a Verona (Studio Teologico S. Zeno e ISSR S. Pietro Martire) e a Milano (Facoltà teologica dell'Italia Settentrionale). Fa parte del "Coordinamento delle Teologhe Italiane" dalla sua fondazione e ne è presidente dal 2013 (www.teologhe.org). Ha vissuto larga parte della propria vita (1976 - 2012) in contesto Rom e ritiene di dovere in primo luogo a questo la propria visione del mondo. Alcune sue pubblicazioni: Dio patrie famiglie. Le traiettorie plurali dell'amore (Piemme 2016); Introduzione a Laudato sì (Piemme 2015). Insieme a Marinella Perroni: Maria di Magdala. Una genealogia apostolica (Aracne 2016); insieme a Moira Scimmi: Donne diacono? La posta in gioco Messaggero 2016); insieme a Giuseppe Laiti: Manuale di Storia della Chiesa. L'età antica, diretto da Umberto dell'Orto e Saverio Xeres (Queriniana, 2018).
ERALDO AFFINATI (Roma, 1956) è scrittore e insegnante. Ha pubblicato, fra gli altri, Campo del sangue (1997, finalista Premio Strega e Campiello); Un teologo contro Hitlen Sulle tracce di Dietrich Bonhoeffer (2002); Berlin (2009, Premio Superflaiano); Elogio del ripetente (2013); Duomo del futuro. Sulle strade di don Lorenzo Milani (2016, finalista premio Strega); Il sogno di un'altra scuola. Don Lorenzo Milani raccontato ai ragazzi (Piemme, 2018). Insieme alla moglie, Anna Luce Lenzi, nel 2008 ha fondato la scuola Penny Wirton per l'insegnamento dell'italiano agli immigrati. Per lungo tempo ha insegnato italiano e storia presso "La città dei ragazzi", la comunità educativa basata sull'autogoverno, che fu fondata alle porte di Roma nel secondo dopoguerra da John Patrick Carroll-Abbing.
ANDREA PANZAVOLTA dopo gli studi classici si è laureato in giurisprudenza all'Università di Bologna. Allievo del filosofo Umberto Curi, è giornalista pubblicista. I suoi principali interessi sono la letteratura, la musica, il cinema e il teatro. Fra le sue pubblicazioni: Lo spettacolo delle ombre (2012) e Passeggiate nomadi sul grande schermo (2013), entrambi pubblicati da Mimesis (Milano). Sulla musica classica, e in particolare sul teatro d'opera del '900, ha pubblicato il volume Caro Herr Mozart, cari compositori (Edizioni Inschibboleth, Roma 2014). Ha curato, insieme a Pia Campeggiani, Il vangelo secondo Bergman. Storia di un capolavoro mancato (Il melangolo, Genova 2018), un inedito di Ingmar Bergman. AI regista svedese ha dedicato un'importante rassegna cinematografica in occasione del centenario della nascita. E autore di saggi apparsi su riviste di filosofia e di critica letteraria, di testi teatrali e di libretti d'opera.
NEL CENTENARIO DELLA NASCITA DI INGMAR BERGMAN
Proiezione dei film:
Il posto delle fragole (Svezia, 1957)
Regia: Ingmar Bergman
Attori: Victor Sjeistrbm, Bibi Andersson, Ingrid Thulin Riconoscimenti: Premio della Critica, Mostra del Cinema, 1958 (Venezia); Premio Oscar, 1959, Academy Awards (USA); Premio Golden Globe, 1960 (USA)
Sinfonia d'autunno (Svezia, 1978)
Regia: Ingmar Bergman
Attori: Liv Ullmann, Ingrid Bergman, Lena Nyman, Halvar Bffirk
Riconoscimenti: Premio Golden Globe, 1979 (USA); National Board of Review Award, 1979 (USA);
12. ott, 2018

Domenica 14 ottobre ritorna la seconda edizione di “La domenica nel Borgo”. Dopo il successo della prima edizione, Brisighella aderisce anche quest'anno all'evento, promosso dall'Associazione I Borghi più belli d'Italia.
Il turista rimarrà piacevolmente sorpreso dall'accoglienza curata da un gruppo di ragazzi dell'istituto comprensivo di Brisighella che, nell'ambito di una serie di iniziative programmate nel centro storico, condurranno il visitatore alla scoperta del Borgo e della sua storia.
Saranno guide d'eccezione che nella veste di “Ciceroni per un giorno” accompagneranno il visitatore lungo le piazze e i vicoli del centro storico della cittadina.
Un'iniziativa resa possibile grazie alla rinnovata e fattiva collaborazione con l'associazione “La Memoria storica di Brisighella I Naldi-Gli Spada”, che con la disponibilità delle insegnanti dell'istituto comprensivo di Brisighella sta portando avanti un percorso finalizzato alla valorizzazione del patrimonio storico-culturale del paese, con l'obiettivo di fornire uno strumento per sensibilizzare i giovani nei confronti del valore dei beni culturali e delle origine storiche del territorio di appartenenza.
In occasione della Settimana della Cultura in Emilia Romagna "EnERgie Diffuse", domenica a Brisighella sono inoltre programmate delle visite, con ingresso gratuito,  al Museo Civico Giuseppe Ugonia, al mattino dalle ore 10.00 alle ore 12.30.
Sempre domenica 14 Ottobre, in collaborazione con l'Istituto per i Beni artistici culturali naturali, nell'ambito della settimana del Patrimonio culturale regionale, si promuovono anche  i progetti di valorizzazione dei teatri storici della regione, con “A scena Aperta – incontri nei teatri storici dell'Emilia-Romagna".
Brisighella vi partecipa aprendo le porte al Teatro comunale Maria Pedrini, collocato all'interno del Palazzo Comunale.
Alle ore 16.00 visita guidata, con ritrovo presso il Foyer del teatro, per conoscerne la storia ed osservarne da diverse angolature gli aspetti architettonici.
La visita sarà curata dall' architetto Gian Luca Zoli, responsabile Fai della delegazione di Ravenna – gruppo di Faenza.
A seguire, intrattenimento musicale nel Foyer del Teatro, con il “Coro Jubilate”, polifonia vocale con repertorio di musiche di Schubert, Faurè.  Dirige Martina Drudi, al pianoforte Denis Zardi.
Il Teatro comunale Maria Pedrini di Brisighella, dei primi anni dell’800, è sempre stato motivo “d’incontro”, suggellando, in ogni iniziativa qui proposta, il suo ruolo di alto valore culturale e sociale. Da diversi anni però non è più agibile ed è in attesa di un concreto progetto di recupero.
Anche la visita al Teatro Pedrini è a ingresso gratuito (info: 0546 994415).

25. set, 2018

Dopo il brillante successo dello scorso anno al Centro Sociale “Corbari”, domenica 14 ottobre al Palazzo delle Esposizioni di corso Giuseppe Mazzini di Faenza, ore 17,00, si terrà la seconda edizione di un defilé inedito e solidale. Una sfilata con il fascino di abiti vintage fatti rivivere con abile scelta degli accostamenti delle volontarie del negozio Dress Again e degli abbellimenti di sartoria.
All’evento oltre alle volontarie del Dress Again, dell’associazione Farsi Prossimo e a Atelier Be ci sarà la partecipazione dell’Azienda Agricola Francesconi Paolo, il Centro Sociale “Corbari" e Dai Ragazzi parrucchieri.
Al termine della sfilata, il preserata continuerà con buona musica accompagnata da un semplice aperitivo e da un momento di incontro all’interno dello spazio espositivo che proporrà sia i vestiti indossati per la sfilata che quelli dell’atelier che ha collaborato e che potranno essere acquistati con offerta libera dove il ricavato verrà destinato al finanziamento di progetti della Caritas Diocesana che sostengono le situazioni di fragilità nella diocesi stessa.
Dress Again è un “negozio” laboratorio attivo da ormai due anni in via S. Ippolito 17 e opera per il sostegno di donne in difficoltà, sia del faentino che richiedenti asilo, offrendo un’opportunità di incontro, di apprendimento e i reinserimento sociale attraverso un’attività formativa di tipo sartoriale svolta con la guida delle volontarie dell’associazione “Maria Bianconi”, partner del progetto.  “Again” dunque come nuova opportunità per le donne e al tempo stesso per gli abiti che con il loro lavoro vengono aggiustati, trasformati, riportati alla moda.

24. ago, 2018
Il corso fornisce le nozioni di base sulla fotografia, sulla sua storia, sul funzionamento della macchina fotografica e dei suoi componenti, sui vari accessori e il loro uso.
Durante le ore del corso saranno illustrate le tecniche per la produzione di immagini creative con la fotocamera, sfruttandone appieno le funzioni e selezionando le corrette impostazioni per ciascuna situazione, inoltre ad ogni partecipante saranno inviate delle dispense con gli argomenti trattati in ogni singola lezione.
Verranno fornite di volta in volta delle dispense relative alla lezione da affrontare, portare comunque carta e penna per ampliare gli appunti dati con le cose che si diranno durante le lezioni.
Si consiglia di portare la macchina fotografica con relativo libretto di istruzioni per mettere in pratica e imparare le funzioni spiegate.
Il corso si volgerà in 14 ore (10 di teoria e 4 di uscita fotografica) seguendo un programma di approfondimento come:
- Tipi di macchine fotografiche e loro funzionamento.
- Scelta dell’obiettivo
- Lunghezza focale
- Esposizione (tempi di posa, diaframmi e sensibilità ISO)
- Compensazione dell’esposizione
- Messa a fuoco e controllo della profondità di campo
- Bilanciamento del bianco
- Composizione dell’immagine
- Qualità e gestione delle immagini digitali
- Cenni sulla storia della fotografia e dei principali.
CALENDARIO
1) giovedì 20 settembre (dalle 20.30 alle 22.30)
2) giovedì 27 settembre (dalle 20.30 alle 22.30)
3) domenica 30 settembre (dalle 14.00 alle 18.00) - Uscita fotografica
4) giovedì 4 ottobre (dalle 20.30 alle 22.30)
5) giovedì 11 ottobre (dalle 20.30 alle 22.30)
6) giovedì 18 ottobre (dalle 20.30 alle 22.30)
 
Info: Fototeca Manfrediana, Via S.Maria dell'Angelo, 24 - 48018 - Faenza (RA) - www.fototecamanfrediana.it