Ogni Campanile, Una Ricetta!!!

15. feb, 2018

Le mazzancolle sono animali acquatici invertebrati, cioè che non posseggono lo scheletro interno, ma si proteggono attraverso una tipica corazza detta esoscheletro o carapace che li circoscrive nel gruppo degli Artropodi. Contrariamente a quanto molti pensano, le mazzancolle sono alimenti con un basso contenuto in grassi energetici (trigliceridi); ciò che li rende poco indicati nell'alimentazione è l'elevato contenuto in colesterolo. E' pur vero che contengono una buona razione di acidi grassi polinsaturi ed un ottimo rapporto tra omega3 e omega6. Le mazzancolle sono ricche di ferro, di tiamina (vit. B1) di riboflavina (vit. B2), di niacina (vit. PP) e (quelli rossi) di astaxantina, una provitamina fortemente ANTIOSSIDANTE.
MAZZANCOLLE SALTATE AL LIMONE
Ingredienti
1,5 Kg. Mazzancolle
1 limone pref. bio
Erba cipollina
Mezzo bicchiere di cognac
40 gr. di burro
Pepe nero
Sale
Prezzemolo
Preparazione
Sciacquate le mazzancolle sotto l'acqua corrente, eliminate i gusci lasciando attaccate testa e coda ed eliminate il filo scuro. Sciacquate le mazzancolle sotto un getto d'acqua corrente e asciugateli su carta da cucina. Lavate il limone e asciugatelo, quindi prelevate la scorza e tritatela grossolanamente. Sciogliete il burro in un grande padella, unite le mazzancolle e saltateli nel condimento per un paio di minuti, fino a che non avranno cambiato colore. Irrorateli con il cognac e lasciateli evaporare a fuoco vivo.
Regolate di sale e aggiungete la scorza di limone, il pepe pestato e un cucchiaino di erba cipollina tagliata con le forbici. Saltate tutto per qualche secondo, spruzzate con prezzemolo tritato e servite subito con crostini.
OP Bellaria Pesca Soc. Coop.
Angelo Gori.

15. feb, 2018

COZZE GRATINATE CON POMODORINI
Ingredienti
2 kg cozze di Bellaria Igea Marina
mezzo bicchiere vino bianco
n. 10 olive nere denocciolate
olio extravergine di oliva
n. 2 spicchi d’aglio, un ciuffo di basilico
un pugno di pangrattato
300 gr pomodorini (pachino) tagliati a dadini
origano, sale e peperoncino macinato
Preparazione
Pulite e lavate le cozze, privandole del bisso. Fatele aprire in padella a fuoco vivace con un po’ di olio e vino bianco. Copritele con un coperchio e mescolate di tanto in tanto. Una volta aperte, sgusciatele e mettetele da parte uno dei due gusci. Tritate il basilico e l’aglio e aggiungeteci il pangrattato, l’olio e un pizzico di origano, regolate di sale e unite il peperoncino qb. Mescolate il tutto fino a raggiungere un composto consistente. Prendete una teglia da forno e mettete un po’ di olio. Aggiungete le cozze sgusciate nella farcitura preparata. Aggiungete le olive nere sminuzzate ed i pomodorini. Mettete le cozze condite con l’impasto preparato nei gusci messi da parte. Aggiungete l’olio e mettete in forno caldo a 180° per 10 minuti, lasciandole poi 5 minuti col grill per farle gratinare.
OP Bellaria Pesca Soc. Coop.
Angelo Gori 

15. feb, 2018

Oggi un consiglio dai pescatori, un primo con le "Cozze di Bellaria Igea Marina" da preparare seguendo la nostra ricetta.
LINGUINE CON PESTO DI BASILICO E COZZE PICCANTI:
Ingredienti (per 4 persone):
gr. 500 linguine grandi o trenette
2 kg.cozze di BELLARIA
500 gr. di pesto di basilico (anche già pronto)
olio di oliva
peperoncino
prezzemolo
metà bicchiere vino bianco
sale
Preparazione
Sciacquate molto bene le cozze eliminando il bisso. Mettetele in una pentola a fuoco vivo. Appena si aprono tutte, toglietele dal fuoco, e sgusciatele. Filtrate l’acqua di cottura delle cozze e conservatela. In una pentola larga, mettete un fondo leggero di olio con un aglio schiacciato ed uno o due peperoncini (a seconda di quanto amate il piccante). Imbiondito l’aglio aggiungete l’acqua ed il bicchiere di vino. Evaporato il vino aggiungere le cozze e farle prendere sapore. Spegnere ed aggiungere il pesto del barattolo. Messa a cottura la pasta, scolatela appena cotta, e riversatela nella pentola contente tutto in condimento aggiungendo massimo quattro cucchiai d’acqua di cottura dei bucatini. Riaccendere sotto la pentola e rosolare per un paio di minuti spolverando con il prezzemolo fatto a pezzettini. Servite impiattando abbellendo con gusci delle cozze.
OP Bellaria Pesca Soc. Coop.
Angelo Gori

12. feb, 2018

La Regina del mare Adriatico (la vongola poveraccia!) in crema di patate...
CREMA DI PATATE CON LE VONGOLE POVERACCE
Ingredienti
1kg di patate
1,5 kg. di vongole poveracce
1 cipolla
5 cucchiai di olio evo
1 dl di vino bianco
1 spicchio d’aglio
sale e pepe
prezzemolo
Procedimento
Pulire le patate e tagliarle a cubetti. In una padella far soffriggere la cipolla in un po’ d’olio e sfumare con un po’ del vino bianco. Aggiungere le patate e dell’acqua fredda, cuocere a fuoco medio fino a completa cottura. Quando sono ancora calde frullare le patate e lasciare intiepidire. Mettere le vongole a freddo in un tegame con un poco di aglio tritato, l’olio e il vino e cuocere (con un coperchio) fino all’apertura di tutte le vongole. Sgusciarle (noi ne abbiamo lasciate qualcuna nel guscio per decorazione) e unire il sughetto che si è formato alla crema di patate avendolo prima filtrato. Impiattare un po’ di crema tiepida, un cucchiaio di vongole sgusciate e qualcuna ancora nel guscio, finire con una spolverata di prezzemolo tritato e un giro di olio extra.
Nota
In romagna le vongole le chiamiamo “poveracce” perché erano i molluschi dei poveri che dopo le mareggiate andavano a raccoglierle lungo la spiaggia garantendosi un pasto per la sera. E’ un piatto semplice, delicato e sapido e richiede alcune piccole attenzioni per una perfetta riuscita. Consiglio importante: se la crema di patate potete realizzarla in anticipo, per gustare tutto al meglio le vongole vanno preparate all’ultimo minuto, il loro sughetto va filtrato bene e velocemente e aggiunto alla crema insieme alle “poveracce”. Buona giornata!
Il vino consigliato con questo piatto è: Trebbiano DOC

OP Bellaria Pesca Soc. Coop.
Angelo Gori

12. feb, 2018

Provate la seppia seguendo la nostra ricetta:
Spaghetti con seppie e pomodorini
Ingredienti:
1/2 bicchiere di vino bianco
olio qb
sale qb
Preparazione
Pulite e lavate le seppie sotto l'acqua corrente, e tagliatele a listarelle o striscioline. Fate un battuto con aglio e prezzemolo, mettetene un cucchiaio da parte e fate soffriggere per un paio di minuti in una padella con il fondo coperto di olio, insieme al peperoncino. Aggiungere le seppie e lasciate cuocere per 10 minuti girando per far cuocere da entrambe i lati. Trascorsi 10 minuti sfumate con il vino bianco e spegnete. Tagliate i pomodorini ed aggiungeteli al sugo, poi aggiustate di sale. Cuocere gli spaghetti in abbondante acqua salata, scolateli con un paio di minuti d'anticipo e riversateli nella padella. Lasciate saltare per un paio di minuti, decorate con il battuto tenuto 400 gr di spaghetti

1kg seppie pulite
15 pomodorini pachino
2 spicchi d'aglio
un ciuffo di prezzemolo
1 peperoncino da parte e servite! 

OP Bellaria Pesca Soc. Coop

Angelo Gori