29. ott, 2018

Serie C: Il Bonolis di Teramo rimane indigesto per il Ravenna FC, che esce sconfitto su rigore

TERAMO: Trasferta amara per il Ravenna che a Teramo vede interrompersi la serie positiva un solo minuto dopo avere conquistato un pareggio che per quanto visto in campo sarebbe stato meritatissimo per i giallorossi.
Squadre schierate a specchio con il 3-5-2 e partita molto accesa a centrocampo fin dal primo minuto. Ravenna che prova a creare ma Teramo che si rende pericoloso nelle ripartenze. Al 22° una combinazione De Grazia - Terracino porta quest’ultimo alla conclusione ma non impensierisce Venturi. Cinque minuti dopo una grande occasione sui piedi di Nocciolini che pescato in area da Galuppini cerca di scavalcare il portiere in uscita con un pallonetto che termina a lato. Passa un minuto ed il 9 giallorosso ci riprova con un tiro dal limite che sfiora l’incrocio. E’ un buon momento per il Ravenna che al 30 impegna severamente Lewandowski su tiro defilato di Selleri ben imbeccato da Maleh. Il goal sembra maturo per gli ospiti invece su un contropiede arriva la doccia fredda: Bacio Terracino scappa sulla sinistra e mette in mezzo un velenoso cross basso che Spighi deve solo appoggiare in rete per il vantaggio del Teramo.
La ripresa parte con Siani e Magrassi per Galuppini e Selleri ed il modulo che si trasforma in un 3412 offensivo alla ricerca del pareggio. E’ proprio Siani che ha una grossa occasione al 4° ma il suo colpo di testa ravvicinato termina fuori. Il Ravenna continua a spingere ed al 13° ha un’altra grossa occasione sempre di testa con Nocciolini che sugli sviluppi di un corner colpisce a botta sicura ma viene respinto da un avversario. Ravenna che è anche sfortunato perdendo per infortunio nel giro di pochi minuti sia Boccaccini che Jidayi, sostituiti da Pellizzari e Ronchi. Foschi inserisce anche Raffini, ed è proprio l’ultimo entrato che ben imboccato da Nocciolini trova il diagonale sinistro che vale il suo primo goal stagionale e soprattutto il pareggio giallorosso. Neanche il tempo di ripartire che sul lancio lungo alla ripresa del gioco una disattenzione della difesa del Ravenna obbliga Venturi ad uscire su Barbuti ed a commettere un fallo da rigore. E’ lo stesso giocatore del Teramo a trasformare il penalty ed a riportare in vantaggio i suoi. La partita si innervosisce e viene espulso al minuto 82 Maurizi reo di avere detto qualche parola di troppo al direttore di gara. Ravenna che ci prova fino all’ultimo quando su calcio d’angolo Lelj prova a realizzare una rete delle sue, ma la conclusione viene respinta da Lewandowski, decretando la terza vittoria consecutiva dei padroni di casa.
In sala stampa Foschi “Non ho nulla da recriminare ai miei ragazzi, abbiamo fatto comunque una buonissima prestazione. Purtroppo abbiamo fatto un paio di errori che abbiamo pagato a caro prezzo. Dovevamo essere più attenti una volta raggiunto il pareggio, quando avevamo già pensato di cercare di andarla addirittura a vincere. Il Teramo ha fatto una partita gagliarda e ci ha messo in difficoltà, ma ai miei dal punto di vista della prestazione non posso dire nulla”
TABELLINO:
Teramo - Ravenna Football Club 1913: 2-1
TERAMO: Lewandowski, Fiordaliso, Ranieri (18' st Proietti), Speranza, De Grazia, Bacio Terracino (18' st Zecca), Mastrilli, Piccioni (25' st Barbuti), Spighi (35' st Persia), Caidi, Piacentini. A disp.: Pacini, Natale, Vitale, Zenuni, Fratangelo, Cappa, Mantini, Ventola. All.: Maurizi.
Ravenna Football Club 1913: Venturi, Eleuteri, Boccaccini (6' st Pellizzari), Maleh, Galuppini (1' st Siani), Nocciolini, Selleri (1' st Magrassi), Lelj, Bresciani (30' st Raffini), Jidayi (14' st Ronchi), Papa. A disp.: Spurio, Barzaghi, Martorelli, Scatozza, Sabba, Trovade. All.: Luciano Foschi.
Marcatori: 34' pt Spighi, 32' st Raffini, 34' st Barbuti su rig..
Note: Ammoniti: Mastrilli, Papa, Ronchi, Venturi, Maleh, Persia.