29. set, 2018

Serie C: La montagna Monza da superare per il Ravenna FC per chiudere la settimana di fuoco

RAVENNA: Al Benelli i brianzoli che guidano la classifica e sognano in grande dopo il passaggio di proprietà
La quarta giornata di campionato vede i giallorossi ricevere al Benelli (ore 18,30) la capolista, nonché squadra più in evidenzia nel panorama settimanale della Lega Pro. E non potrebbe essere altrimenti visto il recente passaggio di proprietà dei biancorossi al gruppo Fininvest con la designazione di Adriano Galliani come Amministratore Delegato, per una piazza già pronta a sognare il passaggio di categoria. Al di là delle vicende societarie il Monza rappresenta un avversario estremamente ostico per un Ravenna FC affamato di punti, dato che si presenta già con un organico di prima categoria e forte del primo posto in classifica senza goal al passivo.  Confermati gli elementi più significativi della scorsa stagione dal centravanti Cori (11 marcature nel 2017/18), agli esterni D’Errico e Giudici fino a capitan Guidetti. Ma l’ambizione dei biancorossi si è concretizzata in un mercato molto importante che ha portato in Brianza giocatori del calibro di Reginaldo (154 presenze in serie A). Il Ravenna dovrà fare a meno di Boccaccini squalificato per una giornata ma recupera Galuppini, per tamponare il reparto dei centrali difensivi è stato chiamato in causa per la prima volta in prima squadra il giovane Dradi classe 2001.
Mister Foschi non vuole distrazioni da tutto quello che in settimana è ruotato attorno agli avversari e si aspetta dai suoi risposte importanti in campo: “In campo non ci va la proprietà, ma i giocatori che ben conosciamo, dobbiamo essere concentrati solo sul campo da gioco. Domani è una partita che dobbiamo giocare al massimo per portare a casa quello che ci meritiamo, voglio una squadra rabbiosa, cattiva e determinata. Abbiamo lavorato molto sulla testa per cercare di trovare la soluzione a questa situazione, guardarci meno allo specchio e concretizzare, dato che in queste partite abbiamo dimostrato di giocare alla pari con tutte”
Arbitro: Matteo Gualteri (Asti)
Assistenti: Giuseppe Pellino (Frattamaggiore), Andrea Nasti (Napoli)
I convocati:
Portieri: 1 Spurio (’98), 12 Sangiorgi (’01) 22 Venturi (’92)
Difensori: 2 Eluteri (’98), 3 Barzaghi (’96), 5 Pellizzari (’97), 13 Lelj (’85), 14 Bresciani (’97), 16 Scatozza (’00), 25 Dradi (’01)
Centrocampisti: 6 Maleh (’98), 8 Martorelli (’99), 10 Selleri (’86), 20 Sabba (’98), 21 Trovade (’98), 23 Jidayi (’84), 27 Papa (’90)
Attaccanti: 7 Galuppini (’93), 9 Nocciolini (’89), 11 Magrassi (’93), 18 Raffini (’96), 19 Siani (’97).