10. set, 2018

In fiera volumi e mappe storiche sul territorio nello stand "Il Nuovo Diario Messaggero"

LUGO: In collaborazione con Bcc ravennate, forlivese e imolese, Confcommercio Ascom Lugo, Confartigianato, Cna e Confesercenti.
Nello spazio allestito in piazza Mazzini ci saranno antologie, piante, monete, giornali e modelli su storia e tradizione dei nove comuni dell’Unione
L’editrice Il Nuovo Diario Messaggero per la valorizzazione della cultura e della tradizione della Bassa Romagna. È questa la finalità dello stand, dal titolo “Lugo e Bassa Romagna terre di libri”, che l’editrice ha allestito in occasione della XXVII edizione di Bassa Romagna in Fiera a Lugo, in collaborazione con Bcc ravennate, forlivese e imolese, Confcommercio Ascom Lugo, Confartigianato, Cna e Confesercenti.
Lo stand è stato presentato in conferenza stampa lunedì 10 settembre alla presenza del direttore de “Il Nuovo Diario Messaggero” Andrea Ferri, del segretario di Confartigianato Bassa Romagna Luciano Tarozzi, del direttore di Cna Bassa Romagna Roberto Massari, del direttore di Ascom Lugo Luca Massaccesi e del presidente del comitato esecutivo della Bcc ravennate, forlivese e imolese Raffaele Gordini.
“La Bassa Romagna è caratterizzata da importanti opere d’arte diffuse in maniera capillare in tutto il territorio – ha dichiarato Andrea Ferri -. Il nostro scopo è valorizzarle e sono contento che le associazioni economiche e la Bcc abbiano deciso di collaborare a questo progetto. Per comprendere il presente occorre avere la consapevolezza del passato, per questo credo che sia importante cercare di tramutare il valore antico del territorio in qualcosa che possa servire anche ai giorni nostri”.
“Abbiamo accettato immediatamente di partecipare a questo importante progetto di valorizzazione del territorio voluto da Il Nuovo Diario Messaggero – ha spiegato Luca Massaccesi -. Come associazione economica pensiamo infatti che sia importante dare risalto alla tradizione e alla storia della Bassa Romagna attraverso materiali legati al territorio”.
“Ringrazio il Nuovo Diario Messaggero per aver voluto dedicare al territorio questo spazio in cui è possibile trovare un’ampia rappresentazione della cultura e della storia della Bassa Romagna – ha aggiunto Roberto Massari -. Noi abbiamo sempre appoggiato iniziative di qualità legate al territorio e questa ne è un esempio”.
“Mi aggiungo ai complimenti per questo stand – ha sottolineato Luciano Tarozzi -. Credo che sia importante valorizzare tutte le ricchezze del territorio e noi siamo disponibili a farlo”.
“Crediamo nell’importanza della valorizzazione del territorio - ha commentato Raffaele Gordini -. Per questo siamo sempre disponibili a partecipare a iniziative che mettono al centro questo aspetto”.
Nello spazio preparato in piazza Mazzini, nei padiglioni 130 e 131, si potranno trovare diversi materiali dedicati al territorio, grazie ai quali ripercorrere la lunga storia e tradizione della Bassa Romagna e così scoprire i suoi valori culturali e artistici, attraverso l’editoria del territorio e sul territorio.
Nello stand i visitatori potranno trovare numerosi volumi e antologie dedicati alla Bassa Romagna e pubblicati da editori del territorio. Non solo, tra i materiali esposti nello stand si trovano anche mappe, giornali, monete e modelli simbolo di Lugo: la rocca estense, il busto di sant’Ilaro patrono di Lugo e il monumento a Francesco Baracca.
Lo stand sarà aperto per tutta la durata della biennale dedicata ad agricoltura, artigianato, industria e commercio, fino a domenica 16 settembre, dalle 10 alle 24 nei giorni festivi e dalle 18 alle 24 in quelli feriali.