8. apr, 2018

Serie C: Ravenna, grande prestazione e gol sontuoso di Broso, ma non basta

RAVENNA: Altra prestazione di grande sostanza e intensità dei giallorossi che si arrendono però alla Reggiana. Record stagionale di presenze e incasso al Benelli
Gli applausi scroscianti, lunghi e sinceri dei propri tifosi a fine gara la dicono più lunga di tutto il resto. Al cospetto di una forte e tosta Reggiana il Ravenna si arrende per 2-1 in un Benelli che fa segnare il record stagionale di presenze (1.936) e di incasso (oltre 14.000 euro), dopo aver disputato una partita di grande intensità e di carattere. E la perla di Broso, una rete di rara spettacolarità ed efficacia tecnica, è un ulteriore suggello ad un match che i giallorossi hanno ben interpretato, ben giocato e non avrebbero meritato di perdere. La classifica continua a sorridere (alla matematica salvezza manca poco) e lo stato di salute della squadra fa presagire un bel finale di campionato, in cui provare a togliersi più di una soddisfazione.
La cronaca della partita Ci si attendeva alla vigilia un derby regionale interessante e dagli alti contenuti e così è. Fin dal primo minuto Ravenna e Reggiana mostrano il loro lato migliore, giocano e fanno giocare: i padroni di casa vogliono sublimare il loro grande momento (5 vittorie nelle ultime sei partite), gli ospiti fiutano aria di svolta, dopo i ko di Padova e Samb. Prima mezz’ora di equilibrio, con qualche incursione in più per i giallorossi poi al 31’ Bastrini insacca di testa una punizione di Riverola, svettando nel mucchio e di fatto facendo decollare il match. De Sena reclama un rigore al 34’, Carlini fallisce a tu per tu con Venturi la ghiotta opportunità per il raddoppio.
Il Ravenna rientra dagli spogliatoi con Broso al posto di Barzaghi, infortunatosi, e con l’attacco a tre. Una mossa che paga subito: da Magrini a Selleri, cross col contagiri per Broso che si coordina e al volo di destro fulmina Facchin. Il Ravenna alza i giri del suo motore, ma al 9’ Altinier si avventa su un cross di Panizzi da sinistra e all’altezza del primo palo infila il 2-1 e il suo 12° gol. Venturi evita il tris reggiano volando a deviare in angolo la capocciata di Altinier, poi al 32’ Papa manda fuori di centimetri aprendo l’arrembaggio finale alla porta della Reggiana, salvata da Facchin, miracoloso su De Sena in pieno recupero dopo che Maistrello aveva mandato alto di poco un preciso cross di Rossi.
Il commento del mister “Dispiace per i ragazzi perchè hanno fatto una grande partita – rimarca Mauro Antonioli a fine gara - e credo che avrebbero meritato almeno il pareggio. Questa sconfitta non ha un sapore amaro, perché i ragazzi sono stati bravi, hanno spinto fino all’ultimo, hanno messo sotto una squadra forte come la Reggiana. Onore e merito ai miei giocatori, a cui posso rimproverare pochissimo, forse qualche episodio nei due gol subiti, ma la loro prestazione mi ha lasciato molto soddisfatto”.
TABELLINO:
Ravenna-Reggiana 1-2
RAVENNA (3-5-2): Venturi; Venturini, Lelj, Rossi; Magrini (43’ st E. Ballardini), Papa, Palermo, Selleri (28’ st Ronchi), Barzaghi (1’ st Broso); Marzeglia (39’ st Maistrello), De Sena. A disp.: Gallinetta, Costantini, A. Ballardini, Ierardi, Sabba, Piccoli, Maleh. All.: Antonioli.
REGGIANA (5-4-1): Facchin; Ghiringhelli (43’ st Lombardo), Crocchianti, Bastrini, Panizzi, Manfrin (19’ st Genevier); Cattaneo (43’ st Vignali), Bovo, Carlini, Riverola (25’ st Bobb), Altinier (25’ st Cianci). A disp.: Viola, Narduzzo, Rozzio, Rosso, Rocco, Napoli. All.: Eberini.
ARBITRO: Miele di Torino.
RETI: 31’ pt Bastrini, 3’ st Broso, 9’ st Altinier.
NOTE: Ammoniti: De Sena, Crocchianti, Cianci. Spettatori 1936 circa per un incasso di 14.036 euro. Angoli: 9-2. Recupero: 2’ e 5’.