NEWS

18. gen, 2019

Definito dall’Amministrazione Comunale e cofinanziato dalla Regione, il progetto trae spunto dalle attività dell’Osservatorio Provinciale sulla Criminalità.
L’Amministrazione Comunale ha definito il progetto dal titolo “L’altra faccia della Riviera – l’esperienza riminese”: l’iniziativa si concretizzerà nella realizzazione di due volumi che costituiranno due guide pratiche dedicate agli amministratori, una sorta di toolkit operativi utili per affrontare in particolare le problematiche relative alla sicurezza urbana; le pubblicazioni saranno pronte nella primavera con una tiratura di diverse migliaia di copie.
Il progetto, che prevede un investimento di circa 30.000 euro di cui 21.000 stanziati dalla Regione Emilia Romagna, nasce dalla volontà di “fare il punto” sul ruolo delle autonomie locali nel campo delle politiche integrate di sicurezza, promuovendo lo sviluppo di una coscienza critica e responsabile tra cittadini, amministratori e categorie economiche.
La prima pubblicazione, “L’Osservatorio Provinciale sulla Criminalità. L’esperienza riminese”, sarà una sorta di manuale operativo che trae ispirazione dall’attività dell’Osservatorio, in cui il Comune di Bellaria Igea Marina ha ricoperto in questi anni un ruolo concreto e attivo. L’obiettivo del volume è rendere disponibile l’esperienza riminese anche fuori dai confini territoriali di competenza e creare un modello innovativo di prevenzione che fa leva sulla competenza e la partecipazione: un buon esempio di un patto tra istituzioni, cittadini e attori economici, preziosa leva preventiva accanto al lavoro di repressione svolto dagli inquirenti e dalle forze di polizia.
Il secondo volume sarà incentrato sull’analisi dei risultati de “L’altra faccia del benessere”, ricerca promossa di recente dallo stesso Osservatorio Provinciale sulla criminalità organizzata. La pubblicazione dei risultati, in cui si evincono criticità e sfide per il futuro, mira a una sensibilizzazione delle pubbliche amministrazioni in un’ottica conoscitiva e preventiva; per questo, il volume vorrà essere di facile consultazione, da utilizzare anche come valutazione dell’impatto delle misure di sicurezza in un contesto a forte vocazione turistica come la realtà costiera.

17. gen, 2019

LUGO: I due speaker della web radio della Bassa Romagna seguiranno le conferenze stampa del festival.
Radio Sonora, web radio dei Comuni della Bassa Romagna, approda a Sanremo in occasione della 69esima edizione del festival della canzone italiana. All’evento parteciperanno infatti come “inviati” anche Caterina Cardinali e Andrea Magnani, speaker del programma di Radio Sonora “A muso duro”, dedicato alla canzone italiana.
“Abbiamo concluso il 2018 con il successo del Sonora Radio Fest e con i festeggiamenti per il decimo compleanno di Radio Sonora, ma il 2019 non sarà da meno, come ci dimostra questa bella e importante novità che porterà la web radio della Bassa Romagna a uno degli eventi più popolari della televisione italiana – dichiara il sindaco con delega alle Politiche giovanili dell’Unione dei Comuni della Bassa Romagna Riccardo Francone -. Radio Sonora permette ai giovani di essere protagonisti e questa esperienza, ne siamo certi, consentirà a Caterina e Andrea di vivere un’esperienza unica, in cui mettere a frutto tutte le capacità che hanno sviluppato in questi anni a Radio Sonora”.
Da giovedì 7 a sabato 9 febbraio Caterina e Andrea seguiranno le conferenze stampa del festival e proporranno ai follower il “FantaSanremo”, gioco che premia chi indovinerà i cantanti che saliranno sul podio del festival. Ogni video, intervista e podcast registrato durante la loro permanenza a Sanremo sarà condiviso sui social e sul sito della radio www.radiosonora.it.
Per essere sempre aggiornati sulla presenza di Radio Sonora a Sanremo basterà seguire l'hashtag #radiosonoragoestosanremo, il sito web e i social ufficiali Radio Web Sonora (Facebook) e radiowebsonora (Instagram).

17. gen, 2019

CESENATICO: La mostra su “Leonardo da Vinci al Porto Cesenatico”, attualmente allestita presso il Museo della Marineria, resterà aperta sino a domenica 31 marzo 2019 per consentire ai visitatori e alle scuole di conoscere gli aspetti storici e il valore simbolico di questa importante presenza nell’anno in cui si celebrano i 500 anni dalla morte di Leonardo.
Inoltre, resterà visibile al Museo della Marineria sino alle festività pasquali il grande diorama che rappresenta la Sezione Galleggiante del museo, opera del modellista Luigi Vanetti.
Il 6 settembre 1502 Leonardo da Vinci lascia il ricordo della sua presenza a Cesenatico tracciando sul suo taccuino, il famoso “Codice L”, un preciso rilievo del piccolo borgo marinaro accompagnato da una veduta dall’alto della rocca. Leonardo si trova a Cesenatico in qualità di “ingegnere generale” di Cesare Borgia, che aveva da poco conquistato la Romagna, e aveva affidato a lui con un apposito lasciapassare il compito di verificare e migliorare le fortificazioni e infrastrutture strategiche del suo nuovo ducato, tra le quali figurava appunto il “Porto Cesenatico”. Il significato del “passaggio” di Leonardo a Cesenatico va però ben oltre il semplice dato storico, per assumere un più ampio valore simbolico: Leonardo diventa così una delle figure – con Giuseppe Garibaldi protagonista di un analogo “passaggio” – che concorrono a formare la storia e l’identità cittadina soprattutto nel primo Novecento, quando il Genio di Vinci viene riscoperto e divulgato al più vasto pubblico con alcuni celebri libri, tra i quali anche un’opera teatrale di Marino Moretti, anch’egli del resto valido “testimonial” della città.
La mostra “Leonardo da Vinci al Porto Cesenatico” racconta dunque in modo semplice e divulgativo, con l’ausilio di un ampio apparato iconografico, la vicenda del “passaggio” di Leonardo e il contesto storico nel quale avvenne, senza dimenticare però di fare emergere e sottolineare le implicazioni simboliche che originò nella cultura locale e fino nella promozione turistica. Saranno esposte anche le riproduzioni dei due documenti fondamentali del viaggio di Leonardo in Romagna, vale a dire il celebre “Codice L” (il suo taccuino di appunti) e il “lasciapassare” di Cesare Borgia che chiarisce il suo mandato, insieme alla ricostruzione del “ponte salvatico” realizzato secondo l’ingegnoso progetto di Leonardo incastrando tra loro alcuni tronchi.
La mostra natalizia inaugura anche il programma delle iniziative che con altre mostre, incontri, spettacoli, conferenze celebreranno a Cesenatico nel 2019 i 500 anni dalla morte di Leonardo.
L’iniziativa è organizzata dal Museo della Marineria in collaborazione con il Museo Leonardiano di Vinci e con Formula Servizi di Forlì, e come tutte le attività del museo si svolge con il sostegno di Gesturist Cesenatico Spa.

Leonardo da Vinci al Porto Cesenatico
Cesenatico, Museo della Marineria, dal 2 dicembre 2018 al 31 marzo 2019
orario di apertura: sabato, domenica e festivi: 10-12, 15-19.
Anche in altri orari per scuole e gruppi su prenotazione: 0547-79205 – infomusei@comune.cesenatico.fc.it 

17. gen, 2019

CESENATICO: Sabato 19 Gennaio si terrà la “la seconda raccolta alimentare dei Comitati di Zona”.
Il Comune di Cesenatico e gli otto Comitati di Zona, infatti, in collaborazione con alcune Associazioni di volontariato del territorio hanno organizzato davanti ai supermercati, punti di ritrovo in cui volontari, muniti di una pettorina identificativa con riportati logo del Comune, dei Comitati di Zona e lo slogan della campagna La solidarietà si fa in otto, raccoglieranno alimenti e altri prodotti a lunga conservazione da donare a quattro associazioni di volontariato locali: Caritas, Croce Rossa, “Bambini al primo posto” e San Vincenzo De Paoli.
Sarà possibile donare pasta, riso, fagioli e piselli in scatola, tonno, olio, passata di pomodoro, latte a lunga conservazione zucchero, succhi di frutta, confettura in barattolo, fette biscottate, biscotti, merendine, biscotti per l'infanzia, omogeneizzati, pannolini per bambini, materiale per igiene personale, detersivi.
Chiunque fosse disponibile a donare una parte del proprio tempo all’iniziativa unendosi ai volontari può telefonare al seguente numero 054779294 o contattare il Presidente del proprio Comitato di Zona:
Centro Storico – Boschetto, Presidente Michele Bertaccini comitato.centro.boschetto@gmail.com
Ponente – Zadina, Presidente Cinzia Buscherini ponentezadina@gmail.com
Madonnina – Santa Teresa, Presidente Monia Rustignoli comitatomadonnina@gmail.com
Cannucceto, Presidente Danilo Santeroni comitatozonacannucceto@gmail.com
Sala, Presidente William Spinelli comitatozonasala@gmail.com
Villalta – Borella, Presidente Bruna Bonoli quartierevillalata.borella@gmail.com
Bagnarola, Presidente David Molinari comitato.bagnarola@gmail.com
Villamarina, Presidente Maurizio Faini comitatovalverdevillamarina@gmail.com

Di seguito l’elenco dei supermercati aderenti all’iniziativa:
A&O, via Tobagi, 9 – Bagnarola
A&O, via Campone Sala, 350 – Sala
CONAD, via Cecchini, 56 – Cesenatico
CONAD, via A. Gramsci, 33 – zona Peep Madonnina
COOP, Via Saffi, 90 – Cesenatico
EUROSPIN, via F. Crispi, 1 – Cesenatico
FAMILA, via SS16, 2100 – Cesenatico
IN’S, via Cecchini, 52 – Cesenatico

16. gen, 2019

COTIGNOLA: Assisteranno a due spettacoli il 23 gennaio e il 27 febbraio
I ragazzi delle classi prime e seconde della scuola secondaria inferiore “Luigi Varoli” di Cotignola assisteranno, in orario scolastico, a due spettacoli teatrali al teatro Goldoni di Bagnacavallo, nell’ambito del progetto “Teatro ragazzi”.
La programmazione, curata da Accademia Perduta-Romagna Teatri, prevede il 23 gennaio lo spettacolo La guerra dei bottoni della compagnia Tib Teatro, un classico della letteratura per ragazzi che, nel ripercorrere la “guerra” tra bande giovanili di due paesi limitrofi, tocca il controverso rapporto infanzia-adulti e il tema della crescita; vi parteciperanno le classi prime. Il 27 febbraio le classi seconde invece assisteranno a L’Amleto della compagnia Eccentrici Dadarò, riscrittura di un grande classico che seleziona e ricompone la drammaturgia originale, secondo modalità consone a ragazzi adolescenti.
“Grazie alla proficua collaborazione tra l’Amministrazione comunale e l’istituto comprensivo ‘Don Stefano Casadio’, oltre centoventi alunni avranno l’opportunità di vedere degli spettacoli nella prestigiosa cornice di uno storico teatro all’italiana - ha dichiarato Federico Settembrini, assessore alla Cultura e alle Politiche educative del Comune di Cotignola -. Già da diversi anni abbiamo deciso come Amministrazione di supportare questo tipo di progetti, in quanto riteniamo importante educare i ragazzi alla cultura del teatro”.