NEWS

19. lug, 2018

RICCIONE: Più di 4.000 tra grandi e piccini hanno preso parte ad un vero e proprio rito collettivo per superare i propri limiti. Un evento unico nel suo genere che si è svolto in occasione del primo Black Day, una giornata pensata per scoprire e migliorare il lato nascosto di se stessi
Un urlo liberatorio, ma anche di sfida e per infondere coraggio a se stessi: è questo l’obiettivo del primo urlo da record che si è svolto oggi, sotto il sole di Riccione, all’Aquafan. Migliaia di persone che, in occasione del Black Day, ovvero la giornata pensata da Maxibon Black Cookie per spronare a superare gli ostacoli e a oltrepassare i propri limiti, hanno provato ad abbattere il muro del suono, superando con la propria voce il “bang” sonico prodotto da un jet che viaggia alla velocità di 1200 km/h. 
Il celebre parco acquatico della riviera romagnola si è così trasformato in una grande area in cui tantissimi ragazzi e ragazze, attraverso un urlo collettivo, hanno voluto in modo simbolico superare i propri limiti e darsi insieme il coraggio necessario per scoprire il proprio “Dark Side”, cioè il lato nascosto di se stessi.
“Grazie al connubio tra Maxibon e Aquafan, simboli dell’estate e del divertimento, abbiamo voluto così celebrare l’estate dei ragazzi italiani coinvolgendoli in un urlo da record – afferma Gustavo Stante, Country Marketing Director Froneri Italy – che manifesti il loro desiderio di superare i propri limiti nel divertimento sano e nella gioia di stare insieme, in linea coi valori di Maxibon”.
Un rito collettivo e liberatorio che vede protagonisti una parte di quegli stessi italiani che si dichiarano ‘popolo di coraggiosi’ e pronti ad affrontare il lato nascosto del loro carattere per vincere timidezza (61%), insicurezze (53%) e ansie (45%) e rapportarsi meglio con tutto ciò che li circonda. I dati sono di uno studio condotto da Maxibon in occasione del Black Day all’Aquafan su circa 2000 italiani di età compresa tra i 16 e i 55 anni per capire come affrontano quelle incertezze che impediscono loro di relazionarsi in maniera adeguata con se stessi e gli altri.
Un urlo collettivo pensato per lanciare un messaggio chiaro a tutti i giovani: mai fermarsi ai propri limiti ed essere “spaventati” dal proprio dark side. La consapevolezza di essi e la voglia di conoscersi a fondo possono anche migliorare se stessi e i propri rapporti con gli altri e far scoprire una parte inaspettata di sé che può anche essere un talento nascosto o una dote innata.

19. lug, 2018

BAGNARA: Mercoledì 18 luglio teatro e musica lirica si sono incontrati nella Rocca sforzesca di Bagnara di Romagna in occasione dell’anteprima assoluta di “Gioachinoo!!”, lo spettacolo che ha visto sul palco l’attore Edoardo Siravo e il mezzosoprano Daniela Pini.
Una Rocca gremita di pubblico ha fatto da cornice allo spettacolo dedicato alla vita e alla carriera di Gioachino Rossini, nell’anno in cui si ricordano i 150 anni dalla sua morte. L’evento, che fa parte del calendario della seconda edizione della rassegna Muse, ha visto l’attore Edoardo Siravo nei panni di Gioachino Rossini e l’esibizione di Daniela Pini, con la partecipazione di Gabriella Casali e del piccolo Mattia Morsiani, mentre i testi erano a cura di Paolo Parmiani.
Lo trama dello spettacolo era incentrata su un Gioachino Rossini ormai anziano e malandato che ripercorre, tra ironia e nostalgia, la sua carriera musicale. Ad accompagnarlo non sono mancate alcune tra le arie più preziose del grande maestro.
Il programma completo della rassegna Muse è disponibile sul sito www.comune.bagnaradiromagna.ra.it.
La rassegna è organizzata dal Comune di Bagnara di Romagna e Pro Loco Bagnara in collaborazione con il Plataus Festival di Sarsina, con il contributo della Bcc - Credito cooperativo della Romagna occidentale e ristorante Il Molinello. La direzione artistica è del sindaco Riccardo Francone, in collaborazione con il prestigioso Plautus Festival di Sarsina (Fc) diretto da Cristiano Roccamo.

19. lug, 2018

LUGO: Tanto pubblico anche da fuori provincia per il concerto dei Floyd Machine.
Una piazza Baracca piena di gente ha contraddistinto il terzo appuntamento con i “Mercoledì sotto le stelle” di Lugo del 18 luglio. Erano infatti migliaia i cittadini, provenienti anche oltre i confini di Lugo, che hanno assistito al concerto dei Floyd Machine, la tribute band dello storico quartetto inglese, davanti al monumento dedicato a Francesco Baracca.
I classici degli intramontabili Pink Floyd con i giochi di luce proposti dalla band, hanno fatto da sfondo a una serata ricca di eventi, che ha visto il centro di Lugo riempirsi di cittadini.
“Chi dice che il centro di Lugo è spento e mai vivace ha avuto ieri sera la sua risposta – ha dichiarato il sindaco di Lugo Davide Ranalli -. Ancora una volta abbiamo dimostrato non solo che la città è più che mai viva, ma che è capace di attrarre migliaia di cittadini, è bene sottolinearlo, provenienti anche oltre i suoi confini. Ovviamente non abbiamo nessuna intenzione di fermarci, perché un centro storico vivo rende Lugo bella più che mai”.
La serata è stata arricchita anche da numerosi appuntamenti pensati per tutti, che hanno coinvolto tutta la città e le associazioni del territorio. Si sono infatti alternati esibizioni, dimostrazioni sportive e animazioni per bambini.
Mercoledì 25 luglio Lugo ospiterà l’ultimo appuntamento del 2018 con i “Mercoledì sotto le stelle”. Per l’occasione davanti al monumento di Baracca ci sarà l’esibizione di danza su pattini a rotelle dell’associazione Up and Down, mentre piazza dei Martiri sarà ancora una volta la terra dei motori con esposizioni di auto, moto e bici d’epoca, oltre alla presenza di giochi per bambini e del Punto del BuonLatte. In largo della Repubblica saranno presenti le associazioni del volontariato locale, lo Studio personal Pilates, gli scacchi con il Circolo scacchistico lughese e l’area food. La Tazza d’oro aspetta il pubblico con tanti cocktail e il Sax Pub propone una cena in compagnia di musica e ballerini. Arte, musica e cibo si troveranno in corso Garibaldi con bancarelle, il concerto di Fabrizio Bernabè (inizio alle 21), la mostra di Claudio Neri e Monica Neri “Passaggi…. di colore” al civico 11 (ex farmacia Ospedale Vecchio) e le iniziative di Gallamini Fiori. Inoltre, il Podere Nespoli proporrà una degustazione dei suoi migliori vini e Il Boario cafè & Bistrot presenterà una degustazione di piatti.
Via Baracca sarà come da tradizione in “La strada dei bambini” con animazioni a cura del Comitato di Via Baracca. Presenti anche truccabimbi, gonfiabili, bancarelle, la musica vintage di Carletto e la Motococomerata. Inoltre, il museo Baracca sarà aperto dalle 20.30 alle 23.30 con ingresso gratuito. Al museo sarà esposta la Ferrari 250 Gt Coupé, concessa dal Museo Ferrari per tutti i mercoledì della rassegna. Piazza Cavour sarà la via della creatività con i mercatini, con l’esibizione dalle 21 di Giorgio e le magiche fruste, mentre via Codazzi sarà animata da tante bancarelle e Mani in Pasta che propone una cena sotto alle stelle con gustose pietanze e sfizioserie. In largo Calderoni ci sarà l’esibizione dei Diavoli della frusta. Non mancherà lo sport, concentrato in piazza Trisi con esibizioni e dimostrazioni da parte delle associazioni sportive locali.
I Mercoledì sotto le stelle sono organizzati dal Comune di Lugo in collaborazione con i commercianti del Consorzio AnimaLugo e le associazioni di categoria Cna, Confartigianato, Confesercenti e Confcommercio-Ascom.
Per ulteriori informazioni, consultare i siti www.comune.lugo.ra.it, www.vivilugo.it, e www.animalugo.it.

19. lug, 2018

CATTOLICA: Al via la collaborazione con l’associazione AIGZoo che disciplina una professione affascinante che attrae sempre più giovani appassionati di natura e ambiente.
Giovedì 19 luglio l’Acquario di Cattolica ha ospitato il workshop teorico-pratico nazionale sul benessere di elasmobranchi e lontre asiatiche, in collaborazione con AIGZoo, l’associazione che riunisce e tutela i guardiani di animali ovvero i keeper di tutta Italia.
La cura degli animali in ambiente controllato è una nuova professione con molti punti di contatto con la divulgazione ambientale: le strutture di conservazione e tutela che ospitano animali svolgono un’attività determinante di divulgazione su temi sempre più sentiti anche dal grande pubblico, come educazione ambientale, prevenzione, sensibilizzazione nei confronti di specie spesso minacciate o a rischio estinzione.
Oggi fare il curatore zoologico è una nuova professione che attrae molti giovani e che richiede passione, resistenza fisica, capacità di lavorare in squadra e di fare networking, per mettere a disposizione anche di altre strutture quelle conoscenze, ricerche e scoperte che emergono dal contatto quotidiano con gli animali e che possono fornire indizi e spunti determinanti nel mantenerne il benessere psicofisico in ambiente controllato.
Tema della giornata, che ha ufficialmente dato il via alla collaborazione con AIGZoo è stato: “Our quality of work is their quality of life”: ovvero: “La professionalità del nostro lavoro diventa il loro benessere” dove per “loro” si intendono proprio i protagonisti, ovvero, gli animali.
Relatori della giornata Stefano Gridelli, responsabile acquariologico dell'Acquario di Cattolica, Gianni Bucci Dolphin trainer Oltremare, Alessandra Trappetti, Simone Canini, Mattia Branchesi, Valentina Tamburelli (acquaristi Acquario di Cattolica), Filippo Bargnesi (Dottorando Università di Ancona e acquarista Acquario di cattolica) Bianca Tartufoli (Tesista Università di Ancona) che hanno esposto ciascuno le proprie esperienze sulla gestione degli animali.
Acquario di Cattolica, struttura Costa Edutainment, da sempre fa della didattica, conservazione e divulgazione la sua mission opera in collaborazione con altre strutture zoologiche, associazioni, università e centri di ricerca nazionali e internazionali.

19. lug, 2018
La nuova campagna lasciti testamentari ANT è stata ideata nell’ambito di Eurobest, Festival della Creatività Europea realizzato dal Festival di Cannes
Protagonista Cecilia Matteucci Lavarini icona di stile, collezionista e melomane
Lo shopping va in paradiso. Compra ora. Un domani lascia ad ANT. Fondazione ANT - principale realtà non profit italiana per le attività gratuite di assistenza medica domiciliare ai malati di tumore e di prevenzione oncologica - ha scelto la chiave dell’ironia per sensibilizzare il grande pubblico allo strumento del lascito solidale che permette a tutti di ricordare nel proprio testamento realtà del Terzo Settore. Testimonial d’eccezione della campagna è Cecilia Matteucci Lavarini, eclettica collezionista d’arte e haute couture, entusiasta melomane e vera icona di stile che ha prestato la sua immagine pro bono.
La campagna pubblicitaria di ANT nasce nell’ambito di Eurobest, Festival della Creatività Europea realizzato dagli organizzatori del Festival di Cannes. Fondazione ANT è stata scelta come charity destinataria della Young Creatives Competition: venti coppie di giovani creativi si sono confrontate con il tema dei lasciti testamentari creando una campagna in appena 30 ore. Ad aggiudicarsi il primo premio è stato il progetto del team danese di Klara Vilshammer e Christoffer Boas di Robert/Boisen & Like-minded con una campagna audace, che mette il consumismo al servizio del non profit e scatena il dibattito sul rapporto tra consumo e beneficenza, autoindulgenza e coscienza. Buy now. Donate to us later (Compra ora. Dona a noi più tardi) è il claim scelto per invitare le persone a lasciare nel proprio testamento un regalo per ANT, contribuendo a cambiare la qualità della vita per i malati di tumore. Il ritratto di Cecilia Matteucci Lavarini è firmato dal fotografo Max Cavallari. La campagna sarà pianificata quest'estate su stampa periodica e online.
Il termine testamento solidale indica la possibilità di lasciare parte o tutto il proprio patrimonio a enti che abbiano finalità benefiche. Si tratta di una scelta consapevole e autonoma, che può essere rivista in ogni momento e che non lede in alcun modo i diritti dei familiari. Per farlo non è necessario un lascito di grandi dimensioni: anche una piccola cosa saprà testimoniare il senso di solidarietà del donatore.