ATTUALITA' & SPORT

16. gen, 2018

LUGO: Fanno capo al servizio le scuole Fondo Stiliano, “La Filastrocca”, “San Potito” “Vincenzo Capucci”.
L’Unione dei Comuni della Bassa Romagna, in accordo con gli istituti comprensivi Lugo 1 e Lugo 2, ha attivato anche quest’anno il punto unico di iscrizione alle scuole dell’infanzia statali e comunali del territorio lughese per l’anno scolastico 2018/19.
Il punto unico è situato presso lo sportello Socio-Educativo dell'Ucbr, in corso Garibaldi 62, telefono 0545 38413, ed è aperto il martedì, venerdì e sabato dalle 8.30 alle 12.30.
Si tratta di un’opportunità offerta alle famiglie che presso un solo sportello possono ricevere le informazioni su tutte le scuole dell'infanzia pubbliche del territorio lughese, nonché essere agevolate nell’iscrizione (che dovrà essere effettuata entro il 6 febbraio esclusivamente online al link http://servizionline.labassaromagna.it; possono presentare domanda le famiglie dei bambini nati negli anni 2013, 2014 e 2015).
Le scuole dell’infanzia che fanno capo al punto unico sono Fondo Stiliano, “La Filastrocca”, “San Potito” “Vincenzo Capucci”.
L’iniziativa facilita inoltre il coinvolgimento degli enti coinvolti, permettendo un’assegnazione dei posti il più possibile coerente con le esigenze delle famiglie.

16. gen, 2018

ROMA: La settimana scorsa è stata densa di eventi importantissimi per il Jazz italiano in generale e per i Jazz Club in particolare.
Mercoledì scorso in una bella riunione al Ballad Caffè di Roma, è stata ufficialmente costituita la nostra Associazione Nazionale di Jazz Club. Essa ha la forma di una Associazione di promozione sociale senza scopo di lucro, ed è stata denominata “Italia Jazz Club”. Si è dotata di uno statuto, che vi alleghiamo, e di un consiglio direttivo così composto:
Consiglio Direttivo: Serrazanetti Giovanni (Cantina Bentivoglio Bologna), Cidale Matteo (Tibe Jazz club La Spezia), Antonacci Gaetano (Moody Jazz Caffè Foggia), Rosato Giuseppe (Birrjazz Formia), Giachetta Fabio (Ricomincio da Tre Perugia), Bardini Angelo (Milestone Piacenza), Nocentini Costanza (Pinocchio Jazz Club Firenze).
Presidente: Serrazanetti Giovanni
Vicepresidente: Cidale Matteo
Tesoriere: Antonacci Gaetano
Segretario: Rosato Giuseppe
L’Associazione si pone tra propri obiettivi i seguenti:
- Accogliere al proprio interno quanti più possibile Jazz Club operanti in Italia in modo attivo continuativo e responsabile. A questo proposito è stato deciso che tutte le richieste di adesione verranno esaminate dal Consiglio Direttivo ed approvate o respinte a maggioranza, ed è fissata una quota associativa annuale di Eu 100.00 che dovrà essere versata sul c.c. bancario di cui l’Associazione si sta dotando.
A fronte del versamento verrà rilasciata regolare ricevuta.
- Verificare le condizioni per l’entrata della nostra Associazione in un largo “organo di rappresentanza” composto da tutte le Associazioni che rappresentano i vari comparti del Jazz in Italia. Esse, oltre a noi, ad oggi sono: IJAZZ (festivals) MIDJ (musicisti), ADEIDJ (etichette discografiche). Questo “organo di rappresentanza” è stato richiesto esplicitamente dal ministro Franceschini, con lo scopo immediato di firmare un protocollo d’Intesa con il MIBACT. In questo Protocollo d’Intesa esso si impegnerà a dare (finalmente) al jazz italiano quel riconoscimento e quella tutela che esso certamente merita, ed a considerare l’organo di rappresentanza un interlocutore consultivo privilegiato in tutte le decisioni in merito alle politiche culturali nazionali. A questo proposito si è già svolta a Roma venerdì scorso, una prima importante riunione alla presenza di rappresentanti di tutte e quattro le Associazioni, di Paolo Fresu e di Gianni Taglialatela.
- Se le condizioni esistono, e al momento non sembrano esserci preclusioni, entrare in questo organo ed assieme ad esso andare a firmare il Protocollo d’Intesa.Questo momento è da considerare a buon diritto storico per il Jazz in Italia.
- Promuovere un censimento generale dei Jazz Club operanti in Italia per dotarsi degli strumenti necessari per aprire un tavolo di trattativa con la Siae.
- Aprire con la Siae un dialogo con lo scopo di ottenere una convenzione che da un lato favorisca la diffusione del jazz dal vivo nei club e dall’altro comporti agevolazioni economiche per il nostro comparto.
- Organizzare al più presto un concerto per festeggiare degnamente la nascita della nostra Associazione. La data e la sede sono da decidere, ma l’intenzione è di dare poi a questo concerto una periodicità annuale.
- Intensificare i rapporti che molti di noi già hanno con le istituzioni scolastiche e formative del proprio territorio, preparando progetti ad hoc, collaborando alla realizzazione di progetti esistenti, favorendo per quanto possibile la crescita dei giovani artisti emergenti.
- Proporre ai maggiori festival italiani di intensificare i rapporti con i club già presenti nelle proprie sedi e/o favorire l’apertura di club anche a carattere temporaneo durante le proprie manifestazioni. In questo senso sono già state avanzate proposte alla manifestazione de L’Aquila ed è allo studio una proposta per Umbria Jazz.
- Partecipare come Associazione ai bandi nazionali con progetti condivisi che possano aiutare il nostro comparto a crescere ed assieme ad esso tutto il jazz italiano.
A questi obiettivi se ne aggiungeranno certamente altri non meno interessanti e qualsiasi suggerimento sarà preso in seria considerazione.
Ben presto vi arriverà la richiesta di compilare un modulo di censimento che, come già detto, ci sarà indispensabile per poterci sedere al tavolo con la Siae in modo concreto e incisivo.

16. gen, 2018

LUGO: Lo spadista lughese Simone Greco si è classificato al terzo posto nella prova nazionale under 17, svoltasi a Terni nei giorni scorsi, a cui hanno partecipato quasi 400 atleti da tutta Italia.
Dopo aver superato la fase a gironi ed essersi imposto negli incontri a eliminazione diretta, Greco si è dovuto ritirare in semifinale a causa di problemi fisici.
"Rimane un po' di rammarico per il ritiro a cui è stato costretto Simone - commenta la Società Schermistica Lughese -. Rammarico che però non offusca l'impresa del nostro schermidore, davvero straordinaria".
Lugo ha partecipato alla gara di Terni con otto atleti, tra torneo maschile e femminile. Oltre a Simone Greco, erano presenti Ilaria Battazza, Sofia Billi (che ha ottenuto un ventesimo posto su trecento partecipanti), Federico Carta, Francesco Colombo, Alessandro Fabbi, Guido Pirazzini e Riccardo Zanoni.
In questi giorni, inoltre, la Schermistica Lughese è stata impegnata anche a Busto Arsizio, dove si è svolta una prova del Circuito europeo under 23 di spada. In questa gara i colori lughesi sono stati rappresentati da Sara Billi.

16. gen, 2018

BELLARIA: Accolte le istanze presentate dai residenti.
E’ entrata in vigore l’ordinanza che, in via sperimentale, va parzialmente a modificare la regolamentazione della sosta in via Pisino e in via Savio: un provvedimento con cui, accogliendo le istanze presentate dai residenti anche in sede di Consiglio di Quartiere, si intende migliorare la viabilità delle due strade, contenendo inoltre i fenomeni di inquinamento atmosferico e acustico.
In particolare, è stato istituito il divieto di sosta permanente sia sul lato Rimini della via Savio - nel tratto compreso tra la via Ravenna e la via Busento -, sia sul lato Rimini della via Pisino - nel tratto compreso tra la via Ravenna e la via Cuneo - ; in entrambi i casi, l’obiettivo è consentire agli utenti e ad eventuali mezzi di Polizia e Soccorso, di circolare con maggiore sicurezza sulla carreggiata, permettendo non di meno una migliore accessibilità agli ingressi delle abitazioni.

16. gen, 2018

CESENATICO: I numeri della biblioteca comunale Marino Moretti. Recenti dati resi noti dall’Istat fotografano una lenta e, apparentemente, inesorabile, diminuzione dei lettori in tutta Italia.
L’ultimo report Istat pubblicato a fine dicembre ha registrato un calo del numero dei lettori, passati dal 42% della popolazione di 6 anni e più del 2015 al 40,5% nel 2016.
Secondo l’analisi, sono circa 23 milioni le persone che dichiarano di aver letto almeno un libro nei 12 mesi precedenti l’intervista per motivi non strettamente scolastici o professionali.
La popolazione femminile mostra una maggiore propensione alla lettura già a partire dai 6 anni di età: complessivamente il 47,1% delle donne, contro il 33,5% dei uomini, ha letto almeno un libro nel corso dell’anno. Leggono di più i giovani tra gli 11 e i 14 anni (51,1%) rispetto a tutte le altre classi di età.
In questo contesto nazionale la Biblioteca Comunale di Cesenatico, mostra invece un trend positivo. Il 2017 ha fatto registrare infatti 30.435 prestiti, 500 in più di quelli registrati nel 2016.
Il merito va soprattutto alle scuole di Cesenatico, che grazie al progetto avviato in collaborazione con la Biblioteca hanno portato 750 nuovi iscritti, che si aggiungono agli altri 250 per un totale di 1.000 utenti in più rispetto alla media di 300 fatta registrare negli scorsi anni.
Altri dati, non numerici ma ben riscontrabili, confermano l’utilizzo costante della biblioteca da parte degli utenti, soprattutto più giovani, come l’affollamento della Sala Ragazzi da parte di studenti.
Anche le iniziative come "Chi legge piglia pesci" continua con il suo ormai consolidato andamento positivo e con la sua cospicua presenza di bambini e il Progetto Brio ha fatto il pienone di insegnanti che già da due anni ne richiedevano la replica.
I prestiti maggiori rimangono sui libri di narrativa e per bambini/ragazzi a seguire guide e DVD.
Da riscontrare anche la grande richiesta di utilizzo delle postazioni Internet, dal momento che a Cesenatico non esistono altri internet point.
“Il bilancio dell’attività della nostra biblioteca – commenta il Sindaco Gozzoli – riporta numeri molto positivi, soprattutto per quanto riguarda l’importante azione avviata dalla biblioteca in sinergia con le nostre scuole. È in quella sede, infatti, che i nostri ragazzi sviluppano la passione verso la lettura che poi deve essere coltivata negli anni.”
Non c’è solo la scuola però a rendere vivace la biblioteca: “Va sottolineata la numerosa e costante presenza di studenti universitari e delle scuole nelle aule di lettura e l’attività dei gruppi di lettura che anche attraverso la presentazione di opere insieme agli autori hanno aumentato e migliorato il flusso di lettori.”.