RICCIONE e DINTORNI

8. dic, 2018
Domenica 9 dicembre al Palazzo del Turismo.
Dopo l’emozionante serata evento-unico con protagonista Luca Carboni, la quarta edizione della rassegna di conversazioni d’arte Il classico nel contemporaneo chiude domenica 9 dicembre con Luca Scarlini (ore 16.30, Palazzo del Turismo).
Il ciclo, organizzato dalla Galleria d’arte moderna e contemporanea Villa Franceschi - assessorato al turismo, sport, cultura, eventi, ha il patrocinio dell’IBC - Istituto dei Beni Culturali della Regione Emilia-Romagna e del FAI - Delegazione di Rimini, ed è nato nel 2015 con l'intento di avvicinare il pubblico alle grandi tematiche del mondo dell'arte attraverso i molteplici linguaggi culturali e artistici passati e contemporanei, gettando anche uno sguardo sulla complessità del fatto artistico, che si dipana nel tempo in una fitta trama di rimandi.
L’ultimo appuntamento ha per titolo Egon Schiele: la febbre del tempo, e si tratta di uno spettacolo incentrato sulla figura del grande artista austriaco, icona indiscussa insieme a Klimt, della Secessione Viennese, di cui quest’anno si celebra il centenario dalla scomparsa. Luca Scarlini - scrittore, drammaturgo per teatro e musica, narratore, performance artist, docente di tecniche narrative presso la Scuola Holden di Torino - è il protagonista di questa narrazione, che parte da uno straordinario disegno del grande artista conservato al Museo Rizzarda di Feltre.
Luca Scarlini
Dopo una laurea in storia dello spettacolo a Firenze nel 1993, ha proseguito i suoi studi in Inghilterra. Drammaturgo, saggista, traduttore, storyteller in scena, organizzatore culturale e consulente editoriale per molte case editrici, scrive, in italiano e inglese, insegna in varie scuole e università in Italia e all’estero, occupandosi tra l’altro di teatro, relazioni tra letteratura e musica e moda. Scrive regolarmente per Teatro Regio (Torino), Sistema Musica (Torino), Amici della Musica di Perugia e Ravenna Festival, lavora da molti anni con Radio3 Suite e con la RSI2 Lugano. Voce di Radio Tre, conduce il programma Museo Nazionale, ha curato mostre sulla relazione tra arte, musica, teatro e moda. Ha insegnato storia della scenografia all’Accademia di Brera, insegna tecniche di narrazione alla Scuola Holden, Racconto dell’Arte al Master di Ca Foscari, e discipline di scrittura e organizzazione culturale a Ied Milano e Ied Firenze, lavorando con molti teatri e università in Europa (Ginevra, Vienna, Bruxelles, Ghent). Si occupa di didattica dell’arte, collabora in questo ambito con la Scuola Holden e la Fondazione Sandretto Re Rebaudengo di Torino. Ha all’attivo una vasta attività come storyteller in solo e a fianco di musicisti, danzatori e attori, in teatri, musei e luoghi storici,  lavorando tra l’altro con Martin Bauer, Monica Benvenuti, Sylvano Bussotti, Nora Chipaumire, Luisa Cortesi,  Massimiliano Damerini, Francesca Della Monica, Francesco Dillon, AneLan, NicoNote, Pierluigi Piran, Elisabetta Pozzi, Francesca Tirale, Emanuele Torquati, Luca Veggetti, Ensemble Cremona Antiqua, Ensemble Vox Latina, comparendo in festival in Italia (compare da molti anni nel programma di Festivaletteratura, Mantova).Lavora da molti anni nei territori della storia della moda, in relazione alle arti dello spettacolo, negli ultimi anni collabora alle mostre del Museo Ferragamo di Firenze. Tra i suoi libri recenti sono da segnalare Lustrini per il regno dei cieli (Bollati Boringhieri), Sacre sfilate (Guanda), dedicato alla moda in Vaticano, Un paese in ginocchio (Guanda), La sindrome di Michael Jackson (Bompiani), Andy Warhol superstar (Johan and Levi), Siviero contro Hitler (Skira), Memorie di un'opera d'arte (Skira), Ziggy Stardust. La vera natura dei sogni (Add), Bianco tenebra. Serpotta di notte e di giorno (Sellerio), Teatri d’amore (Nottetempo), L’ultima regina di Firenze (Bompiani).

Domenica 9 dicembre
ore 16.30 Palazzo del Turismo
Luca Scarlini
Egon Schiele: la febbre del tempo
7. dic, 2018
Torna per il secondo anno DEEJAY On Ice, la winter edition di DEEJAY On Stage, per festeggiare insieme a Riccione il Capodanno con un programma di tre serate di musica, spettacoli, performance e dj-set, un format totalmente nuovo, modulato su più giornate e su tipi di pubblico diversi.
Si parte domenica 30 dicembre quando, alle 16.30, piazzale Ceccarini ospiterà i Måneskin la band rivelazione del momento. Il fenomeno Måneskin nasce a XFactor 2017, incredibilmente già dalle audizioni. Le loro prime esibizioni live sono diventate in un attimo virali e molto cool e, nonostante si siano classificati al secondo posto, sono stati indubbiamente i veri vincitori del talent di Sky. Da quel momento il loro successo non fa che crescere, date sold out in pochi minuti, copertine glam e un primo album che da diverse settimane è in cima alle classifiche e nelle vendite.
La sera di San Silvestro sarà invece caratterizzata da una nuova proposta di intrattenimento, per la prima volta diffusa su tre location (viale Ceccarini, piazzale Ceccarini, ponte sul portocanale di viale Dante) e tre palchi, tre proposte artistiche per coinvolgere più luoghi della città e farne un’unica grande festa, per poi darsi appuntamento sul palco principale in piazzale Ceccarini per salutare insieme il passaggio al nuovo anno con la musica live dei Qluedo, la performance di Antonio Mezzancella (uno degli artisti più apprezzati nell’ultima edizione di Tale e quale show), la voce di Alessio Bernabei (di cui è uscito il secondo album di inediti lo scorso settembre), giochi e dj set, con la conduzione di Rudy Zerbi e la partecipazione di Chicco Giuliani e I Vitiello.
Allo scoccare della mezzanotte tutti con gli occhi al cielo per il grande spettacolo dei fuochi d’artificio sul mare.
Il primo gennaio (ore 16.00) torna invece l’appuntamento dedicato ai più giovani e, sempre in compagnia di Rudy Zerbi, saranno sul palco di piazzale Ceccarini gli idoli dei ragazzi e, soprattutto, delle ragazze, Irama, The Kolors, il rapper Fasma e il vincitore di DEEJAY On Stage Matteo Sica, per un pomeriggio di musica e divertimento che si concluderà con uno show pirotecnico dalla terrazza del Palazzo del Turismo.
Già a partire da questo fine settimana i conduttori dei programmi di Radio DEEJAY cominceranno a promuovere l’appuntamento, un racconto che potrà essere ascoltato ogni giorno da cinque milioni di persone.
I PROTAGONISTI
Måneskin
La band, che si è messa in luce nella scorsa edizione di XFactor, il 27 settembre ha pubblicato Torna a casa, nuovo singolo (il secondo in italiano dopo Morirò da re) che ha avuto subito un grande successo e ha anticipato l’uscita dell’ album nei primi posti già da diverse settimane. Il gruppo ha presentato la canzone con due flash mob, a Milano e Roma. Intanto il tour autunnale dei concerti, ha segnato il completo sold out e sono state aggiunte nuove date fino al 20 dicembre. Il tour riprenderà poi a febbraio anche in giro per l’Europa.
Antonio Mezzancella
E’ nato a Perugia nel 1980. Ha cominciato nei villaggi turistici ed è proprio lì che ha tirato fuori il suo talento da imitatore per poi iniziare la sua carriere in radio. La grande occasione arriva con Tu si que vales nel 2015, il talent che vede come giudici Maria De Filippi, Rudy Zerbi e Gerry Scotti, dove si aggiudica il secondo posto. Dopo Mediaset passa in RAI con l’avventura di Tale e quale show nel settembre 2018. Nelle vesti di imitatore si è fatto subito apprezzare dal pubblico, che adesso impazzisce per lui ed è un’escalation puntata dopo puntata.
Qluedo
Nascono nell’agosto del 2010 quasi per caso rifacendosi, nel nome, al famoso “giallo” in scatola Cluedo, appunto. I sette elementi che compongono la band arrivano da diverse esperienze musicali e la loro voglia di rinnovamento li porta alla fondazione di questo gruppo, dando vita ad un tributo al pop anni ottanta con un personalissimo e travolgente stile.
Alessio Bernabei
Si avvicina giovanissimo al mondo della musica studiando quattro strumenti: chitarra, pianoforte, clarinetto e basso. Nel 2012 ha formato i Dear Jack, gruppo che ha abbandonato nel 2015 per intraprendere la carriera da solista. Dopo aver firmato un contratto discografico con la Warner Music Italy, nel 2016 ha partecipato al Festival di Sanremo con il singolo Noi siamo infinito, che ha anticipato l'uscita dell'album di debutto. Nel febbraio 2017 è tornato al Festival con il brano Nel mezzo di un applauso. Nel giugno del 2018 è di nuovo sulle scene musicali con Ti ricordi di me?, primo estratto dal secondo album di inediti Senza filtri, uscito il 7 settembre.
Irama
Il suo nuovo album uscito un mese fa è nei primi posti delle vendite e diversi sono i singoli in classifica. Dopo il successo estivo con il brano Nera, che è stato stabilmente ai primi posti delle vendite cosi come il suo album precedente, Irama nel giro di un anno è passato da vincitore della diciassettesima edizione del talent show Amici di Maria De Filippi ad essere uno degli artisti preferiti dal pubblico giovane.
The Kolors
Il primo gennaio il palco di DEEJAY torna ad ospitare The Kolors, il cui singolo Come le onde, che vede la partecipazione di J-Ax, è stato uno dei tormentoni dell’estate.
Da settembre Stash, il frontman della band, è in tv con un nuovo ruolo: insegnante di canto nella trasmissione Amici di Maria De Filippi. Il gruppo si è formato a Napoli nel 2010 e ha raggiunto la notorietà nel 2015 vincendo la quattordicesima edizione proprio del talent show della De Filippi. Numerose le loro hit di successo tra cui Why don't you love me?, Ok, What happened last night. Nel 2018 partecipano al festival di Sanremo con il singolo Frida.
Fasma
I
ntenso, puro e sensibile. Questi sono i tratti distintivi di Fasma, al secolo Tiberio Fazioli. Il giovane rapper romano ha pubblicato nel 2017 il primo lavoro discografico che contiene i brani Monnalisa, M. Manson, Lady D, Marilyn M. : le prime quattro sfumature di Fasma. I testi raccontano tutto di lui e ascoltarli è un vero e proprio viaggio insieme all’artista, un percorso in cui si mette a nudo permettendo a chi segue le sue rime di toccare la sua anima.
Matteo Sica
Ha vinto l’edizione 2018 di DEEJAY On Stage con il singolo Fino a tre. Romano, classe 1998, Matteo è un cantautore pop con alle spalle studi di canto, chitarra e pianoforte.
www.riccione.it 
7. dic, 2018

Nuovi spettacoli e animazioni sull’Ice Carpet di Riccione!
Domenica 9 dicembre in viale Ceccarini, a partire dalle ore 16, andrà in scena lo spettacolo Una sedia per Vivaldi, performance di teatro acrobatico e acrobatica aerea che vedrà esibirsi 20 atleti della scuola B-you diretta da Barbara Bianchi, uno show scenografico e con una coreografia originale.
Nel fine settimana inoltre la Casetta di Babbo Natale ospiterà, nelle giornate di sabato e domenica, laboratori, giochi e tante attività dedicate ai più piccoli.
In particolare, sabato 8 dicembre a partire dalle 15.30 ci saranno fiabe animate, Christmas baby dance e la preparazione delle letterine da lasciare a Babbo Natale, mentre domenica pomeriggio, a partire dalle 15.30, la fiaba animata è quella dedicata a Rudolph, la renna dal naso rosso, che sarà protagonista anche del divertente laboratorio così come del gioco L’allenamento delle renne.
La casetta di ghiaccio ospiterà fino al 24 dicembre Babbo Natale e gli elfi per poi lasciare spazio ai suoi “assistenti” e infine alla Befana (nei giorni indicati dalle 15.00 alle 19.00).
Qui di seguito le giornate in cui poter incontrare Babbo Natale e consegnargli la letterina:
1, 2, 7, 8, 9, 15, 16, 21, 22, 23, 24 dicembre.
Nelle giornate del 25, 26, 29, 30 e 31 dicembre e del 1° e 5 gennaio la casetta sarà abitata dagli elfi e il 6 gennaio dagli elfi e dalla Befana.

6. dic, 2018

Sarà un grande show di musica e luci quello che accompagnerà l’accensione dell’albero di Natale di Riccione Ice Carpet. Dopo l’inaugurazione della pista e del villaggio, l’apertura della Casetta di Babbo Natale, è in arrivo un altro appuntamento che accenderà il week-end dell’Immacolata.
Sabato 8 dicembre, a partire dalle 17.00, il ponte sul portocanale di viale Dante sarà il palcoscenico di uno evento unico che si aprirà con il dj set del producer e musicista Giaga – Robot una sonorizzazione originale che accompagnerà fino al countdown, alle 17.30, momento in cui le voci di due giovanissimi special guest, Alessandro Coli e Veronica Villa interpreteranno la colonna sonora dello spettacolo di luci.
Anche quest’anno ad abbracciare il grande albero ci saranno le imbarcazioni storiche, insieme alla Saviolina anche la Marzia, vestite a festa grazie alla collaborazione del Club nautico, della Consulta del porto, della Cooperativa ormeggiatori, della Lega navale e di Little Fish.
Nel pomeriggio di sabato si accenderà in viale Ceccarini anche un’immensa stella di Natale, un’installazione luminosa composta da oltre 26.000 luci, divisa in quattordici punte e alta dodici metri.

4. dic, 2018

Riccione si conferma meta privilegiata per gli amanti della bicicletta. Sono sempre di più i cicloturisti, i professionisti le realtà sportive – a partire dalla nazionale ciclismo – che scelgono Riccione per allenarsi e divertirsi e aumentano di anno in anno le manifestazioni e le gare che scelgono la città come punto di partenza, un risultato che trova nella cronometro individuale del Giro d’Italia 2019 il suo traguardo più importante.
Proprio per questo, per rafforzare il posizionamento strategico sul mercato del cicloturismo, l’assessorato al turismo e sport ha ideato RRW – Ride Riccione Week, una settimana, dal 9 al 16 giugno, con eventi sportivi, incontri, spettacoli tutti dedicati alle due ruote, un appuntamento internazionale che sarà promosso in tutta Europa.
Il progetto è realizzato in collaborazione con i maggiori player del settore e con il consorzio Bike Hotel, il consorzio Family Hotel, Riccione Sport, Eurobike e riviste di settore come InBICI.
RRW è dedicato ad un pubblico trasversale e prevede un palinsesto di eventi per diverse fasce di età, interessi e vocazioni, dalle gare in mountain bike a quelle di Brompton – le bici pieghevoli made in London – dalle escursioni giornaliere con e-bike alla scoperta dell’entroterra ai tour con i campioni dal mare alla collina.
Per tutta la settimana inoltre sono previsti forum b2b, stand con i prodotti dei principali brand del settore, dall’abbigliamento tecnico alle case di produzione.
Il tutto accompagnato da spettacoli, intrattenimento ed enogastronomia d’eccellenza.
Tra i partner di RRW figurano alcune tra le più prestigiose realtà internazionali come Campagnolo Roma, associata WACE (World Association Cycling Event) e Formula Bici.
Nella settimana di RRW inoltre sono in programma due gare internazionali:
il prologo e la partenza della prima tappa da Riccione del Giro d'Italia under 23 e la Ride Riccione, l’upgrade della Gran Fondo Città di Riccione nata e cresciuta grazie al patron Valeriano Pesaresi che, dopo vent’anni rilancia e cambia veste e si trasforma in un format con tre percorsi, da 40, 85 e 140 km, e raggiungerà nel circuito più lungo la vetta del Cippo, conosciuta in tutto il mondo grazie a Marco Pantani.
Il progetto Ride Riccione Week non vuole essere solo un evento ma un prodotto e per comunicarlo e promuoverlo si è scelta la firma di Aldo Drudi, che ne ha ideato il logo, un tratto che narra di velocità e futuro, che si scinde per raccontare Ride Riccione Week e Ride Riccione.
Proprio il Giro d’Italia Under 23 ha riportato di recente Drudi ad occuparsi di ciclismo, quando il CT Davide Cassani nel 2017 gli chiese di mettere la sua professionalità a disposizione dell’ambizioso progetto di far rinascere la corsa delle giovani promesse, e disegnarne le maglie ufficiali.
“La mia famiglia è sempre stata appassionata di ciclismo – afferma Aldo Drudi. Ci hanno conquistato le imprese epiche dei campioni di questo sport che è fatica e passione. Poche altre discipline riescono a dare le stesse emozioni. La bici è uno sport filmico, scenografico. Le grandi sfide e le imprese sotto la pioggia battente o la neve producono immagini e ricordi a dir poco suggestivi. I colori e le livree sono simili a quelle del motociclismo. I paesaggi italiani sono il fantastico teatro naturale per uno sport romantico. Mi affascina il contatto ravvicinato con i tifosi: è uno sport che passa sotto casa, che anima i borghi più belli del mondo e il cuore degli italiani».
“Il segmento del cicloturismo è in grande ascesa nel panorama internazionale e Riccione è una destinazione decisamente ben posizionata in questo scenario – dichiara l’assessore al turismo e sport Stefano Caldari. Il lavoro svolto negli anni in questa direzione ci consente di raccogliere risultati molto importanti sia in termini di presenze che di manifestazioni di primo piano che ci scelgono. La rete di bike hotel con servizi specializzati e di altissimo livello, le peculiarità della città e del suo territorio, le vocazioni di Riccione hanno fatto della bicicletta un elemento di promozione che ci caratterizza mettendo al centro lo sport, il benessere, la mobilità dolce, i servizi di qualità, l’innovazione, i tratti dunque che meglio ci raccontano. Investire sulla filosofia e sull’economia delle due ruote significa aderire ad un’idea di sviluppo green in tutte le sue declinazioni. La settimana RRW riassume tutto questo, e si rivolge ad un pubblico molto ampio che va da chi pratica attività a livello agonistico a chi ama muoversi in bici per il piacere di vivere il territorio e fare movimento”.